mercoledì 30 Novembre 2022

Né Jova Beach Party né simili: le organizzazioni ecologiste si uniscono per la natura

A seguito del discusso Jova Beach Party e dei comprovati danni ambientali ad esso attribuiti dai movimenti ecologisti, le parole di indignazione si sono trasformate in azioni concrete: in Italia è appena nato il “Coordinamento nazionale per la tutela degli ambienti naturali dai grandi eventi”. Diverse associazioni hanno scelto di unirsi per difendere i beni comuni con costanza, prevenendo il ripetersi di attività di intrattenimento dannose per l’ambiente, com’è appunto accaduto con il recente evento estivo firmato Jovanotti.

Dalla nota pubblicata e sottoscritta da decine di organizzazioni si apprende come dal negativo sia nata un’idea volta a invocare rispetto per l’ambiente circostante in quel che rappresenta anche un deciso atto di sensibilizzazione. Simili iniziative sono infatti esempio di reazione positiva a un sistema alle volte dannoso e privativo che troppo spesso rimane silenzioso e impunito: «Il Jova Beach Party ha provocato un considerevole impatto su piante e animali delle spiagge, riproponendo a larga scala il tema dell’uso scorretto di ambienti naturali o semi-naturali per la realizzazione di grandi eventi» si legge nella nota che introduce il neonato Coordinamento, composto da – tra gli altri – Italia Nostra, Associazione INTERPOLIS, Forum Nazionale Salviamo il Paesaggio, Federazione Nazionale Pro Natura, Marevivo.

I danni causati dai grandi eventi sono spesso irreversibili, o si protraggono per anni. Oltre all’immediata «Distruzione di specie botaniche tutelate dalle norme europee e italiane» proprio com’è successo . seconda la denuncia delle associazioni – in molte tappe del Jova Beach Party, il Coordinamento sottolinea anche quanto poco ci voglia per annientare e quanto tempo invece sia necessario purché gli habitat si ricostituiscano. Non solo, oltre alle conseguenze ambientali si hanno ripercussioni in negativo «Da un punto di vista sociale, economico e culturale», perché i grandi eventi sono esempio di circolo vizioso, positivo (all’apparenza) per chi consuma e conveniente esclusivamente per gli organizzatori, comunque spesso finanziati con soldi pubblici per mettere in atto ciò che da lì a breve sarà causa di deterioramento di spazi comuni. In poche parole, soldi che dovrebbero proteggere beni investiti per aiutare a distruggere quegli stessi beni, fino al rischio di «perdere definitivamente il patrimonio naturale presente». Col fine di cambiare la scala di sensibilità con cui alcuni fatti vengono narrati e percepiti, ma anche di contrastare e scongiurare l’avvento di prossimi eventi simili, scrivono le organizzazioni, è nata l’urgenza di una «battaglia unitaria a difesa dei beni comuni».

L’intervento di chi vede violenza in eventi tragici travestiti da commedia e decide di unire le forze ha già avuto risposte concrete; non a caso quest’estate alcune tappe dello stesso Jova Beach Party sono saltate. Iniziative di un’umanità che ritrovi il contatto con il mondo in un momento tanto sensibile e di grave crisi ambientale “anche” nei paesi industrializzati sono passi avanti importanti, che fanno sperare in un approccio diverso, magari seguendo gli esempi di comunità o popolazioni native che da anni si sono fatte sentire per cambiare la drammatica sorte dei loro luoghi. Proteste, mobilitazioni, lotte che esistono e sono già esempio di come rispettare il territorio porti a un benessere democratico e non più elitario, con un netto miglioramento della convivenza tra esseri umani e natura.

[di Francesca Naima]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI