venerdì 27 Gennaio 2023

Flash

Inchieste

Tra prezzi assurdi e richieste in natura: la ricerca di un alloggio per studenti a Roma

Uno studente universitario di Roma ha messo per iscritto e accorpato in interessanti spunti statistici le sue vicessitudini alla ricerca di un posto letto...

Reportage

Io, Nicoletta Dosio, militante NO TAV e incarcerata per resistenza

Parlare di carcere. Per chi, sia pure per pochi mesi, l’ha subito, si riapre come una ferita, il senso di spaesamento che provi varcando...

Anti fakenews

Le strane immagini dell’arresto di Greta Thunberg

L’attivista svedese per il clima Greta Thunberg è tornata a mostrarsi in pubblico, dopo l’arresto da parte della polizia tedesca durante lo sgombero a...

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di “The Week” prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Alternanza scuola-lavoro, la riforma beffa: i ragazzi potranno morire assicurati

Il 16 settembre 2022 il diciottenne Giuliano De Seta moriva schiacciato da una lastra di acciaio di oltre una tonnellata. Era uno studente dell'istituto tecnico Da Vinci di Portogruaro, ma anziché essere a scuola si trovava a lavorare in fabbrica, non per scelta ma perché obbligato dalla riforma renziana delle cosiddetta "buona scuola", che sancisce che gli studenti delle superiori debbano ottenere crediti formativi prestando servizio gratuito in azienda. Alla tragedia, per la famiglia di Giuliano, si è aggiunta la beffa: l'INAIL ha negato il risarcimento previsto per infortuni e decessi sul lavoro, visto che in quanto studente non godeva della copertura assicurativa. Ieri la ministra del Lavoro, Marina Calderone, e il ministro dell’Istruzione, Giuseppe Valditara, hanno raggiunto l'accordo che amplia la copertura assicurativa...

Vaccini Covid e richiami: ora l’attacco a Pfizer e Moderna arriva dal Wall Street Journal

“La campagna ingannevole dei booster Covid bivalenti” così il WSJ ha intitolato l’editoriale pubblicato il 22 gennaio, nel quale ha definito “ingannevole” la pubblicità radiofonica sponsorizzata dal Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani, secondo la quale i vaccini bivalenti contro il Covid 19...

Come la repressione iraniana utilizza IA e riconoscimento facciale

Poco importa che l’Amministrazione di turno sia al potere in un Paese democratico o meno: il riconoscimento biometrico e quello facciale sono il sogno in Terra dei Governi di ogni angolo del globo, strumenti idilliaci per garantire alti tassi di sorveglianza che possono esercitare...

Focus

Abbonati / Sostieni

Ultimi

Sentenza storica: la Solvay dovrà risarcire un operaio per danni da amianto

La Solvay, multinazionale nota per la produzione di carbonato di sodio, dovrà risarcire i danni da amianto causati a un operaio dello stabilimento di Rosignano Solvay, in provincia di Livorno. È quanto stabilito dalla Corte di Cassazione che, con una sentenza che potremmo definire storica perché non può più essere modificata, ha confermato la decisione della Corte di Appello...

L’invio dei carri armati a Kiev, tra propaganda di guerra e reale rischio escalation

Dopo un lungo periodo di incertezza, le pressioni degli Stati Uniti e degli alleati più ostili alla Russia, tra cui soprattutto Polonia, Gran Bretagna e Paesi Baltici, hanno indotto il cancelliere tedesco Olaf Scholz a cedere sulla questione dei carrarmati a Kiev: la Germania, infatti, invierà all’Ucraina 14 carrarmati Leopard 2 A6 provenienti dalle scorte della Bundeswehr, le forze...

+ visti della settimana

Trending

Le notizie del giorno in titoli