sabato 25 Giugno 2022

Sconfiggere i parassiti del caffè senza sostanze chimiche: la sfida degli indigeni messicani

In Messico gli indigeni stanno cercando di sconfiggere i parassiti del caffè senza utilizzare sostanze chimiche. Siamo a Sierra Norte de Oaxaca e i coltivatori stanno testando un sistema per combattere la ruggine del caffè, malattia fungina che, diffusasi nella regione, da anni sta devastando le piantagioni.

Quando, nel 2015, il fungo Hemileia vastatrix è arrivato a Santiago Atitlán, i coltivatori indigeni sono stati colti di sorpresa e, di conseguenza, impreparati. Il parassita, infatti, è entrato in contatto con le piante riducendo la loro capacità di effettuare la fotosintesi clorofilliana. Le foglie hanno cominciato a cadere e le ciliegie contenenti i chicchi di caffè – i quali si sono rimpiccioliti – a diminuire, influendo profondamente sulla qualità del prodotto. Da allora è avvenuto un calo della produzione di caffè di circa l’80%; una situazione che ha spinto molti coltivatori ad abbandonare villaggi e raccolti per mettersi alla ricerca di una nuova vita in altre parti del Messico.

Il caffè è la fonte di reddito principale per moltissime comunità indigene messicane, ma con il cambiamento climatico, Hemileia vastatrix continua a esistere. Basta infatti un piccolo aumento della temperatura e dell’umidità (precipitazioni intense) che il fungo prolifera indisturbato. Per questo motivo, dopo il disastro del 2015, l’organizzazione non a scopo di lucro CEPCO (Coordinadora Estatal de Productores de Café de Oaxaca) ha proposto agli agricoltori un piano ben preciso: abbattere le “vecchie” piantagioni di caffè e ripiantare. L’obiettivo principale? Fare crescere il caffè in un ambiente ombreggiato, secco e privo di sostanze chimiche tossiche, per ricercare le varietà più resistenti al fungo. Grazie all’iniziativa si sta testando la resistenza di oltre 27 varietà, le quali vengono piantate l’una accanto all’altra per verificare la loro reazione se esposte al parassita. I semi delle piantagioni più resistenti vengono poi raccolti e venduti, o ripiantati.

In questo contesto il supporto tecnico è fondamentale. Ci vogliono, infatti, degli esperti per studiare e valutare il comportamento delle piantagioni. Solo il 2% di tutti i produttori, tuttavia, può beneficiare di questo tipo di supporto, in quanto non ci sono abbastanza esperti e la formazione in questo senso richiede tempo. Pertanto, CEPCO sta collaborando con il governo messicano al fine di fornire tale supporto educativo agli agricoltori di tutta Oaxaca: da come piantare nuove piantine o fare riprendere quelle già esistenti, a come occuparsi dei raccolti individuando le varietà più resistenti alla ruggine del caffè.

[di Eugenia Greco]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI