mercoledì 28 Settembre 2022

I grandi eventi sportivi e l’onnipresente retorica “green”

Che praticare sport faccia bene al corpo e alla mente è un dato di fatto. Se si possa dire altrettanto nei confronti dell'ambiente, invece, non è affatto scontato. I grandi eventi sportivi, ad esempio, di sostenibile spesso hanno ben poco. Questo poi nonostante, nella maggior parte dei casi, le loro presunte qualità green vengano sbandierate a destra e a manca. Basti pensare che, secondo i dati ufficiali, i Mondiali di calcio in Sudafrica del 2010 e quelli in Brasile del 2014 hanno generato quasi 2,8 milioni di tonnellate di CO2e  ciascuno, mentre i soli Giochi Olimpici di Rio del 2016 ne hann...

Questo è un articolo di approfondimento riservato ai nostri abbonati.
Scegli l'abbonamento che preferisci e prosegui con la lettura dell'articolo.

Se sei già abbonato effettua l'accesso compilando i campi qui sotto o utilizza il pulsante "accedi" posizionato in alto a destra, nella parte superiore del sito. 

ABBONATI / SOSTIENI

Benefici di ogni abbonato

  • THE SELECTION: newsletter giornaliera con rassegna stampa dal mondo
  • Accesso a rubrica FOCUS: i nostri migliori articoli di approfondimento
  • Possibilità esclusiva di commentare gli articoli
  • Accesso al FORUM: bacheca di discussione per segnalare notizie, interagire con la redazione e gli altri abbonati

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

3 Commenti

  1. E’ giusto mettere in evidenza l’ipocrisia della retorica “green”, ma occorre anche fare attenzione a non dare implicitamente credito a modalità di lettura che essa ha portato, come la quantità emessa di CO2, sulla cui effettiva realtà in termini di impatto ci sono solo dubbi. Un dubbio che non ho è che queste facili e stupide semplificazioni le useranno per vietare o permettere solo quello che sarà di interesse per le multinazionali e per esercitare il controllo sulle persone. Lo abbiamo già visto più che chiaramente con la manipolazione della scienza medica e del servizio sanitario.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI