lunedì 22 Aprile 2024

Grano italiano o estero? Cosa cambia in sicurezza alimentare e qualità?

I canali ufficiali dell’Unione Europea - ma anche le grandi aziende di trasformazione del grano, come i pastifici e le multinazionali italiane della pasta, sempre pronti a difendere i processi industriali e i loro profitti enormi derivanti dall’acquisto di grano estero a basso costo - sostengono che mangiare grano italiano o grano estero sia esattamente la stessa cosa dal punto di vista della salute e della sicurezza alimentare, ma questo è vero? Quali sono le differenza, e le eventuali accortezze che i consumatori devono apprendere, in termini di qualità del prodotto e soprattutto sotto il pr...

Questo è un articolo di approfondimento riservato ai nostri abbonati.
Scegli l'abbonamento che preferisci 
(al costo di un caffè la settimana) e prosegui con la lettura dell'articolo.

Se sei già abbonato effettua l'accesso qui sotto o utilizza il pulsante "accedi" in alto a destra.

ABBONATI / SOSTIENI

L'Indipendente non ha alcuna pubblicità né riceve alcun contributo pubblico. E nemmeno alcun contatto con partiti politici. Esiste solo grazie ai suoi abbonati. Solo così possiamo garantire ai nostri lettori un'informazione veramente libera, imparziale ma soprattutto senza padroni.
Grazie se vorrai aiutarci in questo progetto ambizioso.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Articoli correlati

3 Commenti

  1. E allora basta cementificare territorio per fare nuovi inutili centri commerciali, nuove abitazioni, infrastrutture ridondanti. Il terreno va rinverdito
    più possibile e dove non ci sono troppe fonti di contaminazione, coltivato per produrre cibo sano e vivo, lasciando perdere le importazioni di cibo a basso costo che servono solo a speculare uscendo con una pasta italiana che di italiano ha ben poco.. Però non basta fare una parte del processo in Italia, non basta il granea marchio (i marchi più blasonati sono stati trovati tutti pesantemente contaminati da nanoparticelle a differenza dei prodotti biologici). La coltivazione, come la trasformazione dei prodotti, come la cucina, sono attività importantissime, sono la prima Medicina e come tali vanno praticate con coscienza e rispetto, quindi anzitutto senza l’uso di sostanze chimiche di sintesi, ma con un approccio naturale, l’utilizzo di varietà antiche, più resistenti alle malattie, sistemi di coltivazione innovativi che ricreino un ambiente ecologicamente evoluto, diversificato e quindi forte.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI