lunedì 22 Luglio 2024

In tutto il mondo la censura si abbatte su giornalismo e dissenso

La libertà di stampa e il dissenso si trovano sempre più soffocati dai poteri autoritari. Potrebbe sembrare un’ovvietà, se non addirittura un luogo comune qualunquista, eppure il fenomeno risulta evidente e misurabile. Per ogni scenografico scandalo in stile Jamal Khashoggi, per ogni vergognosa applicazione dello spyware Pegasus, esistono un’infinità di stratagemmi politici ben più discreti che stanno progressivamente logorando le possibilità di manovra del giornalismo, se non addirittura della libertà di parola. Si tratta di una deriva che tendenzialmente attribuiamo a nazioni lontane e illib...

Questo è un articolo di approfondimento riservato ai nostri abbonati.
Scegli l'abbonamento che preferisci 
(al costo di un caffè la settimana) e prosegui con la lettura dell'articolo.

Se sei già abbonato effettua l'accesso qui sotto o utilizza il pulsante "accedi" in alto a destra.

ABBONATI / SOSTIENI

L'Indipendente non ha alcuna pubblicità né riceve alcun contributo pubblico. E nemmeno alcun contatto con partiti politici. Esiste solo grazie ai suoi abbonati. Solo così possiamo garantire ai nostri lettori un'informazione veramente libera, imparziale ma soprattutto senza padroni.
Grazie se vorrai aiutarci in questo progetto ambizioso.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

5 Commenti

  1. Articolo interessante. Concordo con i commenti precedenti. Magari avrei ricordato che i “due governi palestinesi” (Gaza e Ramallah) non brillano per eccessi di democrazia e libertà di stampa. Non credo che sia consentito a nessun giornalista palestinese approfondire sui temi legati alla corruzione in Palestina (che fine fanno gli ingenti finanziamenti occidentali?).

  2. Un refuso: Canberra con c’entra nulla con il Canada (peraltro anche in Australia la libertà di stampa e di espressione sono pesantemente compromesse).

    Nell’Occidente “democratico” è in atto da anni una lotta contro la crittografia – l’elemento tecnologico alla base della privacy online che è anche necessaria ad uno scambio realmente libero di opinioni. Nella UE si assiste da tempo alla messa in discussione della libertà di espressione: molte istituzioni sono favorevoli alla censura sui social, al controllo ex lege delle fake news (eufemismo moderno usato continuamente per etichettare non già le notizie false, ma le opinioni del campo avverso), e tante altre belle iniziative.
    L’ultima novità in termini di tempo è la richiesta di registrare i documenti identificativi di ogni utente dei social – per combattere l’estremizzazione delle opinioni online, si dice. Intento indubbiamente positivo, ma misura per nulla idonea allo scopo e per di più potenziale fonte di ulteriori abusi.
    Neanche l’Italia poi è messa bene sul lato libertà di stampa…

    • Concordo, l’articolo fa una bella sintesi ma avrei anch’io usato parole più chiare per indicare questa tendenza pericolosa tutta occidentale del considerare le opinioni simili alle proprie come controinformazione e quelle opposte alle proprie come fake news.

      Bene invece aver detto chiaramente la pericolosità di una narrazione mono tono che sta prendendo sempre più piede in Europa.

    • Ti ringrazio Antonio per la segnalazione del refuso, ho provveduto a sistemare. Colgo l’occasione per sottolineare che il pezzo non ambisca a proporre un’immagine completa, piuttosto offre uno spaccato d’insieme. Australia, Spagna, Turchia e Corea del Sud sono tutte nazioni che ho preso in considerazione di citare o di approfondire, tuttavia le loro realtà sono estremamente articolate e ho preferito metterle da parte in favore di un articolo che si ponesse in maniera più lineare. Anche la situazione delle nazioni africane non è che toccata superficialmente. In Algeria, Marocco, Libia, Sudan si registra un repressione crescente di attivisti e giornalisti, mentre dal sahel verso sud vi è un panorama in costante evoluzione. Della Corea del Nord e dell’Arabia Saudita non abbiamo neppure fatto menzione, così come abbiamo sorvolato anche sulla temibile legge di lesa maestà della Thailandia.

      Di omissioni ne sono rimaste molte, ma cerchiamo di tenere sempre gli occhi aperti su quanto avviene nel mondo e sicuramente provvederemo a seguire alcune di queste tematiche con pezzi dedicati. Sventuratamente, d’altro canto, non mancheranno mai occasioni per approfondire il tema della repressione.

      • Confermando i complimenti per l’articolo. Ma non mi è chiaro perché parlare di Israele e non della Palestina … anche solo per completezza di una realtà che ha un destino comune.

Comments are closed.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI