venerdì 12 Agosto 2022

Come Nestlé è diventata la multinazionale più odiata del pianeta

Alimenti per l'infanzia, cereali da colazione, dolciumi vari, acqua in bottiglia, caffè e tè, gelati, cibi surgelati, gelati, snack e cibi per animali domestici. Potremmo continuare ancora con l’elenco, ma in realtà basta aprire le credenze di casa per capire che Nestlé è davvero una multinazionale che ha a che fare con una lista quasi infinità di alimenti. Controllando le etichette vi sorprenderete di quanti prodotti diffusi con i marchi più diversi riportino in piccolo, da qualche parte della confezione, la Nestlé come casa madre. Fondata in una piccola località della Svizzera francese di no...

Questo è un articolo di approfondimento riservato ai nostri abbonati.
Scegli l'abbonamento che preferisci e prosegui con la lettura dell'articolo.

Se sei già abbonato effettua l'accesso compilando i campi qui sotto o utilizza il pulsante "accedi" posizionato in alto a destra, nella parte superiore del sito. 

ABBONATI / SOSTIENI

Benefici di ogni abbonato

  • THE SELECTION: newsletter giornaliera con rassegna stampa dal mondo
  • Accesso a rubrica FOCUS: i nostri migliori articoli di approfondimento
  • Possibilità esclusiva di commentare gli articoli
  • Accesso al FORUM: bacheca di discussione per segnalare notizie, interagire con la redazione e gli altri abbonati

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

14 Commenti

  1. La riduzione dell’inquinamento da plastica dipende anche da noi: avete provato a bere dell’acqua da una bottiglia di plastica dimenticata nel bagagliaio dell’auto? Noterete un disgustoso gusto di plastica: le vostre papille gustative lo percepiscono unicamente perche’ un qualcosa di chimico le ha sollecitate, cioe’ e ‘ entrato nel vostro corpo, e col tempo potrebbe causarvi nel fegato un “regalino” senza speranza. Molti sparano a zero sull’acqua del rubinetto, che pero’ in base alle normative deve sottostare a limiti sugli inquinanti piu’ stringenti di quelli delle acque in bottiglia; aggiungiamo poi che se l’acqua e’ gassata e magari fredda le vostre papille non avvertiranno piu’ alcunche’ sappia di plastica…Buona bevuta!

    • Vero, purtroppo spesso si corre il rischio di passare dalla padella alla brace, il cibo industriale, monouso, scatolato etc. è per molti una comodità irrinunciabile.
      Sarebbe interessante sperimentare lo smaltimento in proprio, ovvero ognuno smaltisca i propri rifiuti in casa propria, forse ci renderemmo conto del danno ecologico che produciamo ogni giorno.
      Ed anche il rifiuto riciclabile, alla fine è solo greenwashing

  2. Grazie G.F.
    Si è vero, in un articolo ci possono essere dei refusi, capita anche nei libri… ne aggiungo un altro, la sede in svizzera è a Vevey, non Velvey
    ma consiglierei a noi, gentili lettori, di non attaccarci a questi errori di battitura, e guardare la sostanza.

    Il dramma è che spesso non si vedono i danni immensi che questo sistema di multinazionali mondiali infligge al pianeta e quindi a noi.
    Ovviamente non si vedono perché l’informazione/disinformazione, la pubblicità, i governi, le associazioni, anche spesso ONG…sono pagate da loro (sempre le multinazionali)
    Quindi quando leggiamo un articolo come questo, pensiamo che i nostri figli o nipoti dovranno emigrare su Marte o altri pianeti extra-terra perché le grandi multinazionali questo pianeta (la terra) lo hanno consumato e riempito di scorie… Che bello! I progetti sono pronti ed anche cinema e letteratura da tempo lo stanno indicando.
    Che ne dite di eleggerci il capo del governo invece di farlo fare alle stesse organizzazioni di cui sopra? (multinazionali/banche/etc.)

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI