venerdì 27 Maggio 2022

Grazie alla stampa 3D un gruppo di scienziati ricostruisce la barriera corallina

Nel parco marino di Hoi Ha Wan, i ricercatori dell’Università di Hong Kong stanno sistemando delle piastrelle in terracotta stampate in 3D, con lo scopo di ricreare barriere artificiali. Il parco ospita oltre 60 specie di coralli ed è uno dei più importanti per la biodiversità marinaPurtroppo nel 2018 un tifone ha distrutto l’80% della zona protetta e poche specie sono sopravvissute. Senza alcuna influenza umana, ci vorrebbero decenni prima che i coralli riescano a rigenerarsi naturalmente. Per questo motivo intervengono gli scienziati marini: aiutano i coralli a sopravvivere creando per loro supporti a cui attaccarsi ed inserendone di nuovi, prodotti con la stampante 3D.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI