mercoledì 18 Maggio 2022

Ambiente, rapporto Onu: il mare Mediterraneo è al punto di non ritorno

Il 15% dei decessi attribuibile a fattori ambientali, 730 tonnellate di plastica riversate in mare ogni anno, gran parte della biodiversità a rischio e il clima della regione che si sta surriscaldando il 20% più velocemente rispetto alla media globale. È la fotografia dello stato del bacino del Mediterraneo nel “Rapporto sullo stato dell’ambiente e dello sviluppo nel Mediterraneo” prodotto dall’Unep, l’agenzia per l’ambiente delle Nazioni Unite.  Secondo il rapporto, se non si interverrà al più presto, l’intera regione del Mediterraneo subirà “danni irreversibili”. A preoccupare è soprattutto la possibile perdita della biodiversità caratteristica del mare Mediterraneo, dove i cambiamenti climatici hanno portato negli ultimi anni “mille specie esotiche che minacciano la sopravvivenza di quelle locali”.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI