domenica 23 Gennaio 2022

Nel 2019 l’inquinamento ha ucciso 476.000 neonati in tutto il mondo

Nel 2019 sono morti nel primo mese di vita 116.000 bambini indiani e 236.000 nell’Africa sub-sahariana a causa dell’inquinamento atmosferico. Lo afferma “State of Global Air 2020”, secondo il quale quasi due terzi delle morti derivano da fumi nocivi dei combustibili da cucina. Lo studio è stato prodotto dall’Health Effects Institute e dall’Institute for Health Metrics and Evaluation. Gli autori si sono basati su prove che collegano l’esposizione all’inquinamento delle madri durante la gravidanza, all’aumento del rischio che i neonati nascano deboli.

Nel 2019 l’inquinamento ha portato a 6,7 milioni di morti nel mondo. Diventando così, la quarta causa di morte dopo l’ipertensione, il tabacco e i problemi legati a una scorretta alimentazione.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Ultimi

Correlati