venerdì 12 Agosto 2022

Nel 2019 l’inquinamento ha ucciso 476.000 neonati in tutto il mondo

Nel 2019 sono morti nel primo mese di vita 116.000 bambini indiani e 236.000 nell’Africa sub-sahariana a causa dell’inquinamento atmosferico. Lo afferma “State of Global Air 2020”, secondo il quale quasi due terzi delle morti derivano da fumi nocivi dei combustibili da cucina. Lo studio è stato prodotto dall’Health Effects Institute e dall’Institute for Health Metrics and Evaluation. Gli autori si sono basati su prove che collegano l’esposizione all’inquinamento delle madri durante la gravidanza, all’aumento del rischio che i neonati nascano deboli.

Nel 2019 l’inquinamento ha portato a 6,7 milioni di morti nel mondo. Diventando così, la quarta causa di morte dopo l’ipertensione, il tabacco e i problemi legati a una scorretta alimentazione.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI