lunedì 24 Giugno 2024

Per la Procura di Padova Ultima Generazione è un’associazione a delinquere

La Procura di Padova ha deciso di iscrivere nel registro degli indagati per associazione a delinquere dodici attivisti di Ultima Generazione, al centro del dibattito pubblico per gli imbrattamenti a diversi edifici privati e storici con vernice lavabile. Il pubblico ministero Benedetto Roberti ha dato seguito a delle indagini svolte dalla Digos nel 2020, formalizzando una serie di accuse che spaziano dall’interruzione di pubblico servizio all’ostacolo della libera circolazione, passando per il deturpamento di beni culturali e l’imbrattamento di luoghi. Gli inquirenti hanno fatto leva sulla struttura gerarchica dell’associazione, ai cui vertici vengono «organizzati, discussi e vagliati» i blitz, per avanzare l’aggravante dell’associazione a delinquere, e gli ecovandali sono così diventati ecocriminali.

Come recita l’articolo 416 del Codice Penale, si parla di associazione a delinquere “quando tre o più persone si associano allo scopo di commettere più delitti”. Negli ultimi tre anni Ultima Generazione si è resa protagonista di azioni “che stanno antipatiche a tutti”, come recita il titolo dell’intervista de L’Indipendente a un’attivista dell’associazione. I cittadini e le istituzioni hanno spesso risposto con denunce e multe, ma nessuna procura si era spinta a ipotizzare Ultima Generazione nei termini di un’associazione a delinquere, mettendola di fatto sullo stesso piano della criminalità organizzata. Le accuse sono giunte a distanza di qualche giorno dall’approvazione, in Consiglio dei ministri, di un disegno di legge che sanziona con multe fino a 60mila euro chi imbratta o distrugge i beni culturali. Una sorta di potenziamento del reato di “danneggiamento al patrimonio archeologico, storico o artistico nazionale”, disciplinato ai sensi dell’articolo 733 del Codice penale. La norma in vigore prevede l’arresto fino a un anno o l’ammenda non inferiore a 2.065 euro. Se approvato dal Parlamento, il nuovo ddl proposto dal governo aumenterà la soglia minima delle sanzioni: chi imbratta i beni culturali rischierà una multa da 10 a 40mila euro, con il limite massimo portato a 60mila euro nei confronti di chi li distrugge. Una stretta che mette in chiaro le priorità dell’esecutivo, intenzionato a stroncare le azioni dimostrative di ragazzi che chiedono interventi urgenti alle istituzioni e – seppur utilizzando metodi discutibili – conducono le loro azioni usando vernice lavabile, senza aver quindi intenzione di danneggiare realmente nessun bene culturale.

Ultima Generazione ha commentato la decisione della Procura di Padova rilanciando prima una citazione del relatore speciale ONU sui difensori dei diritti umani Michel Forst («Le azioni illegali a volte sono legittime. E quelle degli attivisti climatici lo sono»), «per poi aggiungere che dei cittadini nonviolenti sono stati trattati come se fossero dei mafiosi». Non è la prima volta che dagli ambienti giudiziari rimbalza il collegamento tra associazione a delinquere e delitto politico, sintomo della virata verso una gestione sempre più restrittiva dei movimenti di protesta. Lo scorso luglio, ad esempio, la magistratura torinese è andata all’attacco del centro sociale Askatasuna, considerando i suoi esponenti come dei membri di un’associazione a delinquere. Un castello accusatorio smontato poi a dicembre dalla Cassazione, non ritenendo sufficienti le motivazioni fornite in sede di riesame dai pm per giustificare il reato.

[di Salvatore Toscano]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

4 Commenti

  1. Sebbene il messaggio mandato sia il più giusto, trovo aberrante deturpare delle opere d’arte storiche. La realtà è che questi ragazzini vogliono solo il loro momento di celebrità, perché se volessero ottenere più attenzione sulla questione ambientale troverebbero modi che non si inimichino governo e opinione pubblica. Abbiamo degli esempi (Greta) di persone che hanno davvero fatto qualcosa di importante senza deturpare opere storiche.
    P.s. la vernice a quanto pare non è lavabile, almeno quella lanciata in piazza del Duomo.

  2. Secondo me questi ragazzi sbagliano il modus opetandi… Il governo dà loro addosso perché l’intento è quello di reprimere ogni forma di ribellione
    e scontento della popolazione, tipico atteggiamento della destra. Mentre invece bisognerebbe ascoltarli e anche far qualcosa per loro, che è poi anche per tutti.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI