domenica 29 Gennaio 2023

Regno Unito: troppi scioperi? Il governo liberista punta a vietarli

A seguito dell’ondata di scioperi senza precedenti che sta investendo il Regno Unito nelle ultime settimane e che coinvolge diversi settori dei servizi pubblici con la richiesta di un adeguato aumento salariale, a fronte di un tasso di inflazione del 10% nel 2022, il primo ministro britannico Rishi Sunak ha presentato alla Camera dei Comuni una legge volta a restringere la possibilità di scioperare. Il provvedimento intende garantire il livello minimo di servizio in settori chiave quali la sanità, l’istruzione, i trasporti, la sicurezza delle frontiere e il nucleare, obbligando così parte dei lavoratori a svolgere le proprie mansioni durante le mobilitazioni. Di tutta risposta, i sindacati hanno dichiarato di essere pronti a intraprendere azioni legali.

Si preannuncia uno scontro totale tra la forza lavoro e il primo ministro Rishi Sunak. Se il disegno di legge dovesse essere approvato, i lavoratori che dovrebbero garantire il livello minimo dei servizi potrebbero essere licenziati in caso di assenza e dunque di partecipazione agli scioperi. Il piano del primo ministro conservatore appare chiaro: sventare il pericolo di proteste massicce e durature – più volte verificatesi nel corso degli ultimi decenni nel Regno Unito – colpendo gli scioperi, che oltre la Manica sono configurati non come un diritto ma come una libertà la quale diventa più o meno soggetta a restrizioni a seconda degli indirizzi politici e dei governi che si succedono nel Paese. In piena linea con il progetto neoliberista che a partire dagli anni ‘70 si è diffuso a livello globale, trovando terreno fertile nel Regno Unito soprattutto con Margareth Thatcher al governo (1979 – 1990). Con Rishi Sunak a Downing Street pare sia tornato di prepotenza al centro delle priorità dell’esecutivo la flessibilità, elemento cardine della teoria neoliberista. Flessibilità nell’adeguare i livelli di produzione ai segnali lanciati dal mercato o nella gestione della forza lavoro, sempre più in balia dei propri datori. Il tutto inserito nella cornice della deregolamentazione, alleato storico dell’instabilità e insicurezza tra i lavoratori.

[di Salvatore Toscano]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Articoli correlati

2 Commenti

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI