venerdì 2 Dicembre 2022

Nord Stream, i sabotaggi costeranno caro alla biosfera

I tre squarci che hanno inspiegabilmente interessato i gasdotti Nord Stream 1 e 2 avranno (o meglio, stanno già avendo), delle conseguenze disastrose per il clima e l’ambiente. Il sabotaggio, secondo le prime stime, nei momenti successivi alle esplosioni ha comportato il rilascio di circa 500 tonnellate di metano l’ora. Battuta quella che fino a pochi giorni fa era la peggiore perdita di metano della storia: avvenuta a Los Angeles nel 2016, ne aveva rilasciato 10 volte meno. Dati più precisi si hanno, al momento, solo per il Nord Stream 2. Questa settimana, il gasdotto conteneva 300 milioni di metri cubi di gas. A seconda della temperatura, potrebbero essere state perse tra i 140 e i 200 milioni di tonnellate di metano: un impatto sul clima equivalente a quello annuo di una città di mezzo milione di abitanti.

Ancora incertezza sui responsabili dei danneggiamenti ai gasdotti Nord Stream 1 e 2, mentre le indagini proseguono in un clima già economicamente molto complesso, a causa situazione energetica europea che porterà delle ripercussioni negli approvvigionamenti del gas, sappiamo bene chi pagherà il prezzo di tutto questo: l’ambiente, ancora una volta. Se già la situazione ambientale sembrava critica, si ha sempre più conferma che giorno dopo giorno i peggioramenti aumentano, anche questa volta le stime parlano di impatti devastanti per l’ambiente. Al momento è ancora difficile fare delle valutazioni precise per quel che riguarda i numeri, troppi fattori restano ancora incerti. Tuttavia, si conoscono alcuni dati riguardo la quantità di gas presente nel Nord Stream 2. I due Nord Stream non erano operativi, l’1 da inizio settembre e il 2 mai entrato in funzione, nonostante questo i tubi erano pieni e contenevano comunque delle quantità di gas, che è stato dispeso in mare.

Per quanto riguarda il Nord Stream 1, risulta ancora difficile avanzare delle ipotesi dal momento che non si conosce l’entità di gas contenuta dopo l’avvio dei lavori di manutenzione di qualche settimana fa. Dati più precisi arrivano però per quanto riguarda il Nord Stream 2, che era stato fermato a febbraio, ma risultava già pronto ad entrare in funzione. Il gas in pressione contenuto risulta essere una cifra pari a 300 milioni di metri cubi. In base alla temperatura con cui è mantenuto, si può arrivare a 140-200 milioni di tonnellate di metano, rilasciate in atmosfera. Secondo i calcoli effettuati da Reuters, l’impatto sul clima sarebbe devastante, l’equivalente di una città di più di mezzo milione di abitanti.

Le tre esplosioni sono state rilevate dai sismografi che hanno fatto emergere il dato secondo cui si tratterebbe dell’equivalente di un terremoto di magnitudo 2.3. Il guasto è tale da essere visibile anche ad occhio nudo, formando un’immagine di tre grandi cerchi, di circa 1km di diametro l’uno, che ribollono nell’acqua, dai quali il metano risale e viene liberato nell’atmosfera. Dai satelliti si ha accesso ad una fotografia molto accurata di ciò che il danno ha provocato. Nonostante i valori diminuiscano man mano che passa il tempo perché la pressione e i volumi scendono, l’impatto ambientale risulta comunque catastrofico. Secondo le stime dell’agenzia GHGSat, le tre perdite insieme, nelle prime ore emettevano circa 500 tonnellate di metano l’ora. L’agenzia ha inoltre osservato che lungo le condutture non sono presenti meccanismi di chiusura e che quindi le perdite non si interromperanno finché tutto il gas contenuto non sarà esaurito. Da tenere presente è anche che non tutto il metano si disperderà in atmosfera poiché una parte verrà consumato dai batteri oceanici. Nella giornata è inoltre stata scoperta una quarta falla provocata dall’esplosione dei gasdotti, sulla quale però al momento non si hanno dati precisi per capirne il danno e quantificarlo in numeri di disastro ambientale.

[di Marina Lombardi]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

3 Commenti

  1. Trovo difficile accettare il fatto che coloro che siedono tronfi sui vari troni europei non siano mai in stati in grado di comprendere il gioco dei nostri beneamini d’oltre oceano, era così scontato che il piano non avevano nel mirino solo la Russia ma anche l’Europa, ma sappiamo oramai di per certo che, ahimè, sapevano benissimo a cosa andavano in contro, pur tuttavia è più importante continuare ad essere assecondati a coloro che pian piano, con le loro azioni, hanno plasmato il torbido futuro in cui ci troviamo, creando effetti devastanti il tutto il mondo. Ma alla fine dei conti il vero problema è sempre lo stesso, la sete di potere e il vile denaro. Spero che le persone si sveglino e capiscano cosa stia realmente accadendo, ma in tutta obestà, qui in Itaglia la vedo alquanto ardua.

  2. Chi aveva interesse a creare questo immenso danno ? la Russia, come lo sostiene la Der Leyen? Certo, i Russi sono così scemi da sprecare del gas, piuttosto che venderlo ai paesi del BRICs…
    Due sono le conferme; la minaccia di Biden, mesi fa, che dispongono della possibilità di distruggere i pipeline, ma anche una doppia strategia della NATO: in Europa vi sono 50% delle persone contro Putin e 50% che conoscono bene le origini di questo conflitto. Lasciare gli europei al freddo , convincerà coloro che non sono di parte a schierarsi contro la Russia perché vivranno al gelo tutto l’inverno.
    Infine, non dimentichiamo che i presidenti dell’UE hanno dato carta bianca alla NATO, al summit di Madrid, la facoltà di dichiarare la guerra alla Russia (Europa-Russia, intendiamoci!) Questo episodio costituisce un ottimo pretesto per lanciare l’Europa in guerra.
    Motivo per il quale Lavrov affermò alla conferenza dell’ONU del 24 sette,bre scprso che se l’Occidente tentasse di colpire i territori della Russia, la risposta sarà immediata.
    Un missile nucleare nel cuore dell’Europa e tutto si risolve definitivamente per gli USA! Bravo a Draghi e a tutti i suoi tirapiedi!

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI