sabato 1 Ottobre 2022

La contromossa di Julian Assange: causa alla CIA per spionaggio

I legali di Julian Assange hanno annunciato di aver citato in giudizio la Central Intelligence Agency (CIA) degli Stati Uniti e l’ex Segretario di Stato Mike Pompeo. L’accusa, presentata ieri in un tribunale distrettuale di New York, è di aver registrato le conversazioni tra il fondatore di WikiLeaks e i suoi legali, con tanto di accesso ai contenuti dei loro telefoni e computer. Gli avvocati, insieme a due giornalisti statunitensi che si sono uniti alla causa, affermano che la CIA avrebbe violato il diritto costituzionale alla protezione delle conversazioni private, avendo intercettato le comunicazioni con Assange, cittadino australiano.

Secondo i legali, la CIA avrebbe collaborato con Undercover Global, una società di sorveglianza in rapporti lavorativi con l’ambasciata ecuadoriana a Londra – dove Assange viveva all’epoca –, per spiare il fondatore di WikiLeaks, i suoi avvocati, giornalisti e altri che ha incontrato. Undercover Global avrebbe così fornito informazioni contenute nei loro dispositivi elettronici alla CIA e posizionato microfoni intorno all’ambasciata, inviando negli Stati Uniti registrazioni e filmati provenienti dalle telecamere di sicurezza. Se l’accusa dovesse essere confermata, «ci troveremmo di fronte alla contaminazione, se non alla distruzione, del diritto del fondatore di WikiLeaks a un processo equo», ha dichiarato Robert Boyle, uno dei legali coinvolti. «Per questo motivo» – continua Boyle – «ci dovrebbero essere sanzioni, anche fino al rigetto delle accuse o al ritiro della richiesta di estradizione».

Attualmente, Julian Assange è detenuto nel Regno Unito e rischia l’estradizione negli Stati Uniti a seguito dell’autorizzazione in tal senso da parte del governo britannico. Se venisse estradato, si troverebbe a dover rispondere di pesanti accuse da parte del governo statunitense. Tra queste, figura quella di spionaggio per aver diffuso documenti militari riservati, che hanno mostrato le violenze – visibili su WikiLeaks – dell’esercito di Washington in Afghanistan e in Iraq. L’iter giudiziario non è ancora concluso, con la famiglia e i legali di Assange che sono intenzionati a continuare la battaglia legale in cui il giornalista rischia di essere condannato a 175 anni di carcere in una prigione di massima sicurezza statunitense.

[di Salvatore Toscano]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI