martedì 9 Agosto 2022

Biden in Arabia Saudita, resoconto di un flop che racconta nuovi equilibri globali

Venerdì scorso, il presidente amercano Joe Biden è volato a Gedda in Arabia Saudita, con lo scopo di riavvicinare all’amministrazione USA il più importante partner strategico di Washington in Medio Oriente dopo Israele: da tempo, infatti, Riad ha preso le distanze dalle linee statunitensi a causa di questioni diplomatiche e geopolitiche, rinsaldando sempre di più, invece, i legami economici con Mosca, considerata la principale “minaccia” dalla Casa Bianca. In particolare, il viaggio di Biden era finalizzato a trovare un accordo sull’aumento della produzione di petrolio da parte di Riad, ma anche a normalizzare i rapporti tra Stati arabi e Israele – sfruttando gli Accordi di Abramo promossi dal predecessore Trump – in modo da creare una sorta di “NATO araba” in funzione anti-iraniana. E, infatti, il dossier sul nucleare iraniano è stato anche al centro della visita del presidente americano in Israele.

Tuttavia, non solo la missione di Biden non ha ottenuto i risultati sperati, ma ha anche suscitato una sorta di imbarazzo diplomatico, scatenando polemiche e risentimenti a livello internazionale: dopo aver definito Riad uno «Stato paria» in campagna elettorale, per via dell’uccisione – attribuita al principe ereditario Mohammed bin Salman – del giornalista del Washington Post, Jamal Khashoggi, Biden è stato costretto da circostanze economiche e geostrategiche a recarsi in Arabia Saudita per “supplicare” i reali e lo stesso principe ad aumentare la produzione di petrolio.

La questione dell’aumento della produzione dell’oro nero, del resto, è di fondamentale importanza per Biden, il quale è in caduta libera nei sondaggi elettorali a causa dell’aumento del prezzo dei beni energetici: aumentare la produzione di greggio significherebbe far rientrare l’inflazione ponendo rimedio all’annosa questione che rischia di far perdere al Presidente le elezioni di medio termine previste per il prossimo novembre. Anche in questo caso, però, la richiesta dell’amministrazione americana non è stata accolta dell’(ex) alleato saudita: Riad, infatti, non ha assunto alcun impegno in merito, limitandosi a rimandare l’argomento alla prossima riunione dell’OPEC Plus – l’associazione dei principali produttori di petrolio comprendente anche la Russia – prevista per il prossimo tre agosto. In particolare, il ministro degli Esteri dell’Arabia Saudita, Adel al-Jubayr, ha dichiarato che non è stato raggiunto alcun accordo sul petrolio e che i paesi OPEC prenderanno una decisione basata sul mercato, non sull’«isteria» o sulla «politica». Nel frattempo, i prezzi del petrolio sono aumentati, dopo che un funzionario statunitense ha riferito all’agenzia Reuters che non si prevede un aumento di produzione di petrolio nel breve termine da parte dell’Arabia Saudita.

Da notare anche come, allo stesso tempo, Riad abbia intensificato gli scambi commerciali con Mosca aumentando considerevolmente le importazioni di petrolio russo: queste, infatti, sono più che raddoppiate, passando dalle 320.000 tonnellate del periodo aprile-giugno 2021 alle 647.000 dello stesso periodo nel 2022. Un segnale significativo di come stanno cambiando le relazioni commerciali, diplomatiche e politiche a livello internazionale. Cosa che naturalmente ha spinto Washington a prendere contromisure.

Ma se, da un lato, il tentativo di ottenere maggiore petrolio non è andato a buon fine, dall’altro anche quello di compattare i Paesi arabi contro l’Iran, in una sorta di NATO regionale, non ha registrato particolari successi: un primo segnale negativo al riguardo, infatti, è arrivato dagli Emirati Arabi Uniti, i quali hanno fatto sapere di voler riallacciare i rapporti con Teheran e di non essere interessati, di conseguenza, a partecipare ad un’alleanza contro altri Paesi mediorientali. La stessa posizione è stata espressa dall’Iraq che non ha intenzione di partecipare ad un’alleanza militare ostile nei confronti del suo vicino e partner nella regione.

Infine, per quanto riguarda la normalizzazione dei rapporti tra Paesi arabi e Israele, Riad ha affermato che tale normalizzazione potrà avvenire solo a determinate condizioni: «Abbiamo chiarito che abbiamo bisogno di un processo e che questo processo deve includere l’attuazione dell’Iniziativa di pace araba. Una volta raggiunto questo obiettivo, ci impegniamo per un accordo a due Stati con lo Stato palestinese nei territori occupati e la sua capitale, Gerusalemme est. Questa è la nostra richiesta di pace» ha precisato al-Jubayr. Anche qui, dunque, la strada risulta ancora in salita e nient’affatto scontata, sebbene ci siano state alcune distensioni tra i due Paesi, con Riad che ha aperto il suo spazio aereo ai voli da e per lo Stato ebraico e il Premier israeliano Yair Lapid che sembra abbia dato il suo benestare alla restituzione ai sauditi delle isole contese di Sanafir e Tiran nel Mar Rosso.

Il quadro generale mostra come il Medioriente si stia sganciando sempre di più dall’orbita statunitense e come, altresì, sia difficile ricondurlo nuovamente sotto l’ala di Washington: gli equilibri internazionali, infatti, risultano notevolmente e rapidamente mutati, sia in seguito alla crisi ucraina, sia a causa di errori politici e diplomatici dei governi americani. Contemporaneamente, nazioni come Russia e Cina acquisiscono un peso geopolitico ed economico sempre maggiore, attirando verso di sé i cosiddetti Paesi non occidentali. Quest’ultimi stanno prendendo coscienza delle enormi potenzialità dell’asse orientale e sarà difficile, dunque, che rinuncino facilmente alla loro indipendenza politica e geostrategica in favore dell’ormai declinante egemonia a stelle e strisce.

[di Giorgia Audiello]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

8 Commenti

  1. Mi sembra che la politica statunitense non stia facendo altro che portare ad un isolamento degli USA e di conseguenza dell’Europa, a due blocchi contrapposti, in modo molto più veloce di come sarebbe andata se non avessero fomentato la guerra con la Russia. Era comunque un processo scontato la perdita dell’egemonia USA sul mondo ma poteva essere molto più lento.

  2. Capisco e condivido i pesanti giudizi sulla politica estera americana, la storia è lì a ricordarci manipolazioni, guerre, invasioni ed i frequenti conseguenti fallimenti di tale politica imperialista, xò facciamo anche attenzione ad “idolatrare” gli altri “paesi forti”; chi di noi, in tutta onestà, vorrebbe vivere in Russia (libertà di parola e di pensiero ai livelli che conosciamo, mafia e corruzione anche peggio che in Italia), Cina (non spendo parole…), Brasile (con Bolsonaro è in atto un neoliberismo selvaggio a spese dell’immenso patrimonio naturale e delle minoranze etniche indigene, città insicure e periferie invivibili), Argentina (due fallimenti economici in 25 anni, il conto l’hanno pagato le classi meno abbienti e la classe media, praticamente scomparsa) e Arabia Saudita (come la maggior parte dei paese arabi “ricchi”, anch’esso in mano a qualche centinaio di ricchi “nobili” che vivono nello sfarzo schiacciando il resto della popolazione anche grazie ad un’oppressione religiosa che non credo ameremmo in Europa, soprattutto le donne!).
    Condivido il discorso di Beppe Caturegli: l’Europa è forse il continente più “equilibrato”, dove la storia e la cultura certo non mancano ed i diritti umani sono al livello più alto (nonostante tutto), sarebbe ora di “affrancarsi” dal controllo USA, creando uno Stato Europeo forte ed unito, di stampo federale, mettendo a fattor comune le diverse ricchezze continentali, invece di continuare ad essere un’improbabile alleanza di stati e staterelli con interessi spesso divergenti fra loro.
    E dotarsi anche di un esercito continentale (parla un obbiettore di coscienza, eh… realista, però…).
    Purtroppo governi e sistema finanziario spingono nella direzione opposta, ma attenti ad abbracciare altri potenziali “partner” che forse sono ancora più lontani dalla nostra civiltà, solo questa raccomandazione.
    Peace and love (che ne abbiamo bisogno, di entrambi).

  3. Grazie G.A. , molto interessante perché implicitamente ci stimola a riconsiderare il ruolo e la posizione dell’Europa.
    Non credo che il problema sia il confronto tra il misogino razzista oligarca Trump e l’ipocrita lobbista Biden. Negli USA, dediti all’imperialismo dalla fine dell’800, forse qualcuno dovrà capire che il mondo non è disposto a sottostare agli interessi di un unico padrone.
    In questi giorni, in un’Italia il cui primo ministro ha un piede nelle banche europee ed uno nella NATO, ed in un’Europa completamente prona alle esigenze USA… si dovrebbe capire il nostro possibile ruolo. L’Europa ha la cultura, l’economia, la storia (se non le palle) per essere più indipendente e pensare con il suo cervello. Lo stesso discorso vale per l’Italia.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI