lunedì 15 Agosto 2022

Una ricerca ha dimostrato che diminuendo i pesticidi non cala la produttività agricola

Diminuire l’uso di pesticidi non solo gioverebbe all’ambiente ma permetterebbe di continuare ad avere una produzione quantitativamente alta e qualitativamente migliore.
È quanto dimostra un nuovo studio pubblicato sulla rivista Nature sustainability, in cui è stato analizzato l’impatto a lungo termine di un’agricoltura sostenibile. Si tende erroneamente a credere che abbandonando i fertilizzanti chimici possano esserci conseguenze sulla produttività, ma si tratterebbe di una intuizione errata. I ricercatori coinvolti nello studio hanno raccolto e analizzato i dati di trenta diversi esperimenti a lungo termine portati avanti sia in Europa che in Africa. Si tratta di metodi di coltivazione nella prospettiva EI (Ecological intensification, intensificazione ecologica o intensificazione sostenibile) cioè procedimenti che garantiscano la massima produzione senza che questa abbia impatti ambientali devastanti, quindi mantenendo i possibili effetti ambientali al di sotto della soglia del recupero naturale.

Le pratiche sostenibili dal punto di vista ambientale utilizzate per sostituire o almeno alleggerire l’uso di sostanze chimiche, hanno dato modo ai ricercatori di potere constatare i benefici ecologici ma anche i diversi effetti positivi sulla resa delle colture base. È stato possibile confermare come le pratiche EI e in particolar modo l’aumento della diversità delle colture, specialmente delle piante che fissano l’azoto tra le colture e l’aggiunta di letame e di compost per la fertilità, possano sostituire i fertilizzanti, specialmente quelli in cui il macronutriente principale è l’Azoto (N). L’intensificazione ecologica potrebbe quindi aiutare a riportare l’agricoltura in uno “spazio operativo sicuro” per l’umanità, senza che vi siano pericolosi cali nella produzione, concludono i ricercatori.

Un’ulteriore ragione per incrementare e impegnarsi davvero sugli obiettivi che l’Unione Europea si è posta, toccando anche il delicato capitolo dell’uso dei pesticidi. Proprio pochi giorni fa, il 22 giugno, è stato presentato il Pacchetto Protezione della Natura Nature Protection Package, l’insieme delle iniziative legislative che la Commissione UE ha stabilito per mettere in pratica la Strategia sulla biodiversità e la Farm to Fork. Da quanto deciso a Bruxelles, sarebbe stato confermato l’obiettivo fissato inizialmente, in cui si prevedeva di diminuire del 50% l’uso dei pesticidi chimici entro il 2030 in tutto il territorio dell’UE, per quanto ogni paese sarà lasciato libero di muoversi come meglio crede. Ogni Stato membro potrà infatti fissare il proprio target, basta che rispetti la soglia decisa dalla Commissione entro la data stabilita, quella di diminuire almeno del 35% l’uso dei pesticidi chimici.

[di Francesca Naima]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI