giovedì 1 Dicembre 2022

Come e da chi è stato smantellato il Servizio sanitario nazionale italiano

Se c’è un elemento che la pandemia di Covid19 ha involontariamente messo in luce è l’inadeguatezza del Servizio sanitario nazionale (SSN), da imputarsi ai sistematici tagli di spesa effettuati in questo settore in particolare tra il 2010 e il 2019: in questo periodo sono stati effettuati definanziamenti per un totale di 37 miliardi di euro. Mentre l’incremento di risorse stanziato negli stessi anni è stato pari a 8,8 miliardi, una cifra inferiore al tasso d’inflazione che ha prodotto di fatto una riduzione del budget: secondo i dati dell'osservatorio Gimbe, infatti, a fronte di una crescita an...

Questo è un articolo di approfondimento riservato ai nostri abbonati.
Scegli l'abbonamento che preferisci e prosegui con la lettura dell'articolo.

Se sei già abbonato effettua l'accesso compilando i campi qui sotto o utilizza il pulsante "accedi" posizionato in alto a destra, nella parte superiore del sito. 

ABBONATI / SOSTIENI

Benefici di ogni abbonato

  • THE SELECTION: newsletter giornaliera con rassegna stampa dal mondo
  • Accesso a rubrica FOCUS: i nostri migliori articoli di approfondimento
  • Possibilità esclusiva di commentare gli articoli
  • Accesso al FORUM: bacheca di discussione per segnalare notizie, interagire con la redazione e gli altri abbonati

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

14 Commenti

  1. Che amarezza… sempre tutti non solo impuniti, bensì arricchiti.
    Grazie per questo articolo, così chiaro… siete fra i pochi che ancora fanno giornalismo. Ma è triste pensare che siamo noi, coi nostri soldi a permettervelo e a permettercelo, perchè l’informazione ufficiale è solo immondizia.
    Grazie

  2. Siamo nelle mani di un presidente del consiglio che ha lavorato e lavora per Goldmann Sachs e di un altro presidente (della repubblica) non del tutto sveglio e nelle mani del primo e, per finire, di un parlamento inqualificabile, che si è dimostrato incapace di esprimere un nuovo e decente presidente della repubblica — l’unica preoccupazione per questi luridi personaggi era ed è arrivare in fondo alla legislatura per riscuotere il vitalizio. CHE VOGLIAMO SPERARE?

    • Sono d’accordo con te, Gabri. Purtroppo non sul concetto di “comprensibile per tutti”: sento ancora molta/troppa gente tessere le lodi di Monti ieri e di Draghi oggi (per poi lamentarsi della Sanità, ovviamente)… E questo è incomprensibile a me… Un saluto.

  3. In Lombardia per poter ottenere un appuntamento per una visita classificata URGENTE sulla ricetta i tempi di attesa non sono inferiori ad un mese, in alcuni casi anche sei-sette mesi; per essere ricevuti dal proprio medico di base non meno di 12 giorni. E questa situazione non nasce col Covid perché sono almeno 15 anni che è così è va sempre peggio

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI