venerdì 7 Ottobre 2022

UE, respinto ricorso di Ungheria e Polonia sullo Stato di diritto

Il 16 febbraio la Corte di giustizia dell’Unione europea ha respinto un ricorso presentato da Ungheria e Polonia. Di cosa si tratta? I due Paesi si sono opposti al meccanismo che prevede che l’erogazione dei fondi europei sia collegato al rispetto dello Stato di diritto. In altre parole, l’UE chiude i rubinetti alle Nazioni che non si preoccupano della salvaguardia e del rispetto dei diritti e delle libertà dell’uomo. Questa decisione blocca, tra le altre cose, anche l’accesso ai soldi del Recovery Fund.

Molti esperti ONG, associazioni in difesa dei diritti umani, concordano sul fatto che diversi paesi membri dell’Unione Europea fanno fatica a rispettare gli standard previsti dai cosiddetti regimi democratici. In Nazioni come Ungheria e Polonia, ma anche Repubblica Ceca, Bulgaria e Romania, ci sono grossi ostacoli nel garantire l’indipendenza della magistratura, dei tribunali e della giustizia in generale, nell’assicurare trasparenza nelle decisioni governative e nel tutelare minoranze e oppositori politici.

È noto che Ungheria e Polonia sono due stati difficilmente definibili pienamente democratici. È più giusto invece reputarli a guida semi-autoritaria, soprattutto perché da anni tentano di sfuggire alle regole e controlli UE (in particolare per i fondi). Il denaro che questi Paesi ricevono è stato spesso utilizzato per rafforzare il controllo sull’economia e la politica, e consolidare il potere di chi sta a capo.

La sentenza della Corte potrebbe già entrare in vigore nel giro di poche settimane. Le motivazioni che hanno portato l’UE a prendere questa decisione sono racchiuse in poche righe: “Il regolamento mira (…) a proteggere il bilancio dell’Unione europea da pregiudizi derivanti in modo sufficientemente diretto da violazioni dei principi dello stato di diritto, e non già a sanzionare, di per sé, violazioni del genere. Il rispetto da parte degli Stati membri dei valori comuni sui quali l’Unione si fonda (…) giustifica la fiducia reciproca tra tali Stati”.

[di Gloria Ferrari]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

3 Commenti

  1. non sapevo che in italia ci sia l’indipendenza della magistratura … l’unico fatto vero è che la UE è l’applicazione del FED system che controlla ormai il pianeta come un parassita fa con il corpo ospite.
    L’unica soluzione è eliminare tutto quello che inizia colla U… unione vuol dire essere soggiogati.

  2. È noto che Ungheria e Polonia sono due stati difficilmente definibili pienamente democratici.
    E l’Italia?
    Un Paese il cui governo va avanti a decretini richiedendo il voto di FIDUCIA 3 volte al mese da un parlamento che ha solo paura di andare a casa è definibile pienamente democratico?
    La domanda non è retorica.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI