domenica 16 Giugno 2024

L’Ungheria continua a bloccare l’ingresso della Svezia nella NATO

Dopo quasi due anni dalla sua richiesta di ingresso, la Svezia non ha ancora aderito alla NATO a causa delle reticenze prima della Turchia – che ha approvato l’entrata di Stoccolma nell’alleanza solo il mese scorso – e ora dell’Ungheria: Budapest, infatti, continua a bloccare la ratifica dell’adesione del Paese nordico ed è rimasto l’ultimo Stato tra i 31 aderenti all’Alleanza atlantica a non avere dato il via libera all’ingresso di Stoccolma. Lunedì 5 febbraio, infatti, i parlamentari di Fidesz, partito del primo ministro ungherese Viktor Orban, hanno disertato la seduta straordinaria dell’Assemblea nazionale convocata su richiesta di sei partiti dell’opposizione per discutere l’argomento, innescando la reazione piccata dell’amministrazione americana che ha minacciato di prendere in considerazione l’imposizione di sanzioni all’Ungheria. La questione sarà discussa nuovamente dal Parlamento ungherese il prossimo 26 febbraio, quando l’Assemblea si riunirà di nuovo dopo la pausa invernale.

Il partito di Orban ha subordinato la ratifica dell’adesione di Stoccolma all’incontro dei primi ministri delle due nazioni a Budapest, affinché il primo ministro svedese, Ulf Kristersson, chiarisca le sue critiche mosse contro il presunto arretramento democratico dell’Ungheria. «L’impegno del governo svedese per l’adesione alla Nato dovrebbe indurre una visita in Ungheria, analogamente all’approccio adottato con la Turchia. La ratifica dipende dall’importanza attribuita dalla Svezia a questa adesione e dalla sua volontà di impegnarsi in discussioni dirette a Budapest», ha asserito Zoltan Kovacs, portavoce di Orban. Tuttavia, pare che Kristersson voglia evitare qualsiasi negoziazione con il capo ungherese e che sarebbe disposto a recarsi a Budapest solo dopo un cambio di atteggiamento dello Stato magiaro sulla questione dell’ingresso di Stoccolma nella NATO.

Considerato il capo politico meno allineato con le politiche europee e atlantiche, Viktor Orban è visto con insofferenza da molti esponenti delle istituzioni occidentali anche per aver mantenuto aperte le relazioni diplomatiche con Mosca dopo l’invasione dell’Ucraina. Allo stesso tempo, il prolungamento indefinito sulla questione dell’ingresso della Svezia nell’Alleanza atlantica ha condotto gli Stati Uniti ad incrementare le pressioni sul governo di Budapest, dato che il Paese scandinavo è considerato strategico per rafforzare le capacità di difesa della NATO sul suo fianco orientale e settentrionale contro un’ipotetica minaccia russa. Per altri osservatori, invece, l’ingresso della Svezia e della Finlandia rappresenterebbe solo una provocazione del blocco occidentale verso Mosca che si sentirebbe così ulteriormente accerchiata dalle forze statunitensi. In ogni caso, la questione ha un’importanza tale per cui l’ambasciatore degli Stati Uniti in Ungheria, David Pressman, è stato tra i dignitari stranieri che hanno presenziato alla sessione parlamentare ungherese come segno concreto della pressione statunitense. Insieme a lui erano presenti anche ambasciatori di altri Paesi membri della NATO, tra cui Polonia, Danimarca e Slovacchia. Inoltre, come anticipato, gli USA hanno minacciato di imporre sanzioni a Budapest in caso l’approvazione dell’adesione dovesse slittare ulteriormente. Il senatore Ben Cardin, presidente democratico della commissione per le relazioni estere, ha dichiarato che «Orban ha sempre dimostrato di essere il membro meno affidabile della NATO, oltre a ritardare inutilmente, fino ad oggi, lo sforzo dell’Unione europea per fornire l’assistenza economica tanto necessaria all’Ucraina». Sia per la questione degli aiuti a Kiev sia per lo stallo sulla questione della Svezia, la Casa Bianca ha minacciato di valutare sanzioni contro la corruzione e di prendere in considerazione la rimozione dell’Ungheria dal programma di esenzione dai visti degli Stati Uniti.

La nazione magiara sta cercando di sfruttare la sua posizione per mostrare la sua forza diplomatica nello scenario internazionale e per far capire agli alleati che non possono permettersi di criticare facilmente l’Ungheria sul suo stato di diritto e sul suo sistema politico in quanto Budapest ricopre un ruolo chiave in decisioni strategiche per il blocco atlantico. «Penso che Viktor Orban ogni tanto voglia ricordare ai paesi occidentali “non criticateci perché, se lo fate, abbiamo le carte da giocare al momento giusto”», ha detto all’agenzia inglese Reuters Zoltan Pogatsa, docente specializzato in Integrazione europea presso l’Università dell’Ungheria occidentale. L’adesione della Svezia alla NATO dipenderà, dunque, con ogni probabilità, dall’atteggiamento politico-diplomatico che Stoccolma e gli altri membri euroatlantici assumeranno nei confronti di Budapest. Orban aveva dichiarato nelle scorse settimane che l’Ungheria avrebbe ratificato l’adesione «alla prima occasione possibile» escludendo che sarebbe rimasta l’ultima resistenza all’ingresso di Stoccolma nella NATO. Il capo ungherese, tuttavia, ha disatteso le sue affermazioni continuando quindi a rappresentare una spina nel fianco per gli “alleati” occidentali.

[di Giorgia Audiello]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

3 Commenti

  1. Certo è che l’occidente mostra chiaramente che cosa è la democraziae i suoi valori. La UE minccia di sanzionare e di far fallire l’Ungheria se non accetta di promuovere la guerra in Ucraina. E la Nato, gli Usa, per essere chiari guidati dal “partito democratico”, minacciano sanzioni contro la decisione della maggioranza dei parlamentari ungheresi di porre un eventuale veto all’entrata della Svezia nella NATO. Insomma siamo tutti una bella famiglia ma alcuni non contano un c…zo.

  2. Non è un servo come le altre cancellerie e vari capi di stato europei , ma un abile politico che gioca le sue carte per potersi garantire in futuro un potere contrattuale nell’interesse della sua nazione ; ha dovuto chinare il capo sotto minaccia UE di far fallire l’Ungheria se non avesse acconsentito agli aiuti allUcraina ( 50 mld di euro e non commento oltre ) ora fa le sue mosse .

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI