venerdì 20 Maggio 2022

Da Alfredino a Rayan: la maledizione del pozzo

L’”uomo ragno” se n’è andato poco più di tre mesi fa, a 77 anni, portato via da un diabete che se l’è mangiato poco alla volta. Lo chiamavano così, Angelo Licheri: l’uomo ragno, per via della sua agilità, della sua corporatura così sottile ed elastica. Angelo è stato l’ultima persona che ha visto Alfredino, anzi toccato, sfiorato. L’unico che è riuscito ad avvicinarsi abbastanza per cercare disperatamente di afferrarlo, tanto a lungo da martoriarsi il corpo, nel budello in cui quel bambino era precipitato, una sera di giugno di ormai 41 anni fa. Una sera gentile di inizio estate, una di quelle...

Questo è un articolo di approfondimento riservato ai nostri abbonati.
Scegli l'abbonamento che preferisci e prosegui con la lettura dell'articolo.

Se sei già abbonato effettua l'accesso compilando i campi qui sotto o utilizza il pulsante "accedi" posizionato in alto a destra, nella parte superiore del sito. 

ABBONATI / SOSTIENI

Benefici di ogni abbonato

  • THE SELECTION: newsletter giornaliera con rassegna stampa dal mondo
  • Accesso a rubrica FOCUS: i nostri migliori articoli di approfondimento
  • Possibilità esclusiva di commentare gli articoli
  • Accesso al FORUM: bacheca di discussione per segnalare notizie, interagire con la redazione e gli altri abbonati

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

1 commento

  1. Veramente commovente, al solo leggerlo il ricordo si ravviva, sono passati più di 40 anni, ero una ragazzetto anche io e ho ancora lucidi ricordi di quei giorni e quelle notti passate davanti alla TV, erano altri tempi, fu l’inizio della “televisione del dolore” in diretta, ma a questi tempi non potevamo immaginarlo di certo. Che possa ancora accadere, oggi, anche se in un altro paese, sembra assurdo, ma ormai non c’è più limite nell’assurdo. Onore al merito, al coraggio e al sacrificio di questo piccolo grande uomo, un eroe dimenticato, Angelo, che la terra ti sia lieve, anche perché 40 anni fa la sua esperienza “nella terra” fu forse ancora peggiore, mentre adesso riposerà in pace.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI