fbpx
sabato 25 Settembre 2021

Gli attivisti ambientali vincono sempre più spesso nei tribunali: grazie alla scienza

In Olanda, a fine maggio di quest’anno, una sentenza storica ha imposto al colosso del petrolio Shell di tagliare le proprie emissioni del 45% entro il 2030. Ma la decisione del tribunale de L’Aia è solo un esempio dei numerosi contenziosi climatici risoltisi a favore degli attivisti ambientali negli ultimi anni. E le vittorie non riguardano solo cause avviate contro grandi multinazionali. Recente è il caso dell’ultimatum concesso alla Francia secondo cui il governo di Parigi ha nove mesi di tempo per adottare misure serie ed efficaci nel contrastare la crisi climatica. A finire in tribunale sono state anche Germania, Belgio, Spagna e Italia. Vista la tendenza, nulla esclude che anche in questi casi ad avere la meglio siano i ricorrenti. Ma perché cittadini e Ong incassano la vittoria sempre più spesso? La risposta è nella scienza. Secondo uno studio dell’Università di Oxford, in particolare, in un uso puntuale della scienza climatica. Ora, ad esempio, è più semplice accusare una compagnia petrolifera e trovare le prove che la legano agli effetti del cambiamento climatico.

I ricercatori hanno analizzato 73 cause legali avanzate a livello globale. Tutte quelle che sono state rigettate dai tribunali – ha spiegato lo studio – non hanno sfruttato la scienza più avanzata di cui si disponeva. Se lo avessero fatto – sostengono i ricercatori – avrebbero avuto più possibilità di vittoria. «Utilizzare al meglio le metodologie previste dalla scienza odierna – scrivono – potrebbe migliorare le prospettive dei contenziosi. I risarcimenti, le azioni normative e la riduzione delle emissioni da parte degli imputati sarebbero più facili da ottenere anche quando questi negano le loro responsabilità legali». Queste evidenze confermano la necessità di quanto scienza e attivismo debbano affiancarsi per potersi imporre alla decisioni politiche. E in via più generale viene appurato il ruolo chiave del sapere scientifico in qualsivoglia ambito sociale. A patto che questo – cosa purtroppo non sempre scontata – sia attendibile, rigoroso e non strumentalizzato.

[di Simone Valeri]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiano né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di “The Week” prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati