venerdì 20 Maggio 2022

La Shell sarà costretta ad abbattere le proprie emissioni

La Royal Dutch Shell, compagnia petrolifera anglo-olandese, dovrà ridurre entro il 2030 le emissioni di gas serra del 45% rispetto ai livelli del 2019. È questo il verdetto emesso nella giornata di ieri da un tribunale de L’Aia, sede legale dell’azienda, con il quale è stata ritenuta poco «concreta» la politica sulla sostenibilità della Shell (che aveva stabilito una diminuzione del 20% entro il 2030) ed è stato imposto a quest’ultima di rispettare gli accordi sul clima di Parigi del 2015. La decisione è arrivata in seguito alla denuncia effettuata nel 2019 dall’associazione ambientalista “Milieudefensie”, facente parte della rete internazionale “Friends of the Earth”, e da 17.000 cittadini olandesi: la Shell era stata messa sotto accusa per i danni ambientali derivanti dall’attività di estrazione e lavorazione di fonti fossili, su cui l’azienda investe il 95% del proprio fatturato.

Si tratta di una sentenza storica poiché è la prima volta che una multinazionale viene costretta a rispettare gli accordi di Parigi, i quali prevedono di mantenere l’aumento medio della temperatura globale entro 1,5°. Inoltre, essa rappresenta un precedente che fa tremare tutte le majors del petrolio in quanto riconosce formalmente la loro responsabilità nei confronti della crisi ambientale. A tal proposito Roger Cox, avvocato del gruppo Milieudefensie, ha invitato le organizzazioni di tutto il mondo ad intraprendere azioni legali per costringere le multinazionali ad affrontare l’emergenza climatica. In pratica, a tale verdetto potrebbero fare seguito molte altre sentenze che, al pari di questa, costringeranno le compagnie petrolifere a correre ai ripari.

[di Raffaele De Luca]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI