venerdì 12 Agosto 2022

Le nazioni del G7 non finanzieranno più il carbone

Le sette maggiori economie del mondo hanno concordato sull’adottare misure che riducano l’uso di fonti energetiche fossili e le conseguenti emissioni di anidride carbonica. Tra gli obiettivi lo stop, entro la fine del 2021, ad ogni finanziamento a favore di centrali a carbone. È quanto hanno annunciato con un comunicato congiunto i Ministri dell’Ambiente del gruppo G7 che comprende Canada, Francia, Germania, Giappone, Italia, Regno Unito e Stati Uniti d’America. Un passo decisivo, quindi, per raggiungere le emissioni nette zero entro il 2050 e rispettare quanto fissato negli Accordi di Parigi. L’intenzione, inoltre, è di eliminare gradualmente ogni sostegno economico a tutti i combustibili fossili. In ballo anche la conferma di voler mantenere il riscaldamento globale al di sotto degli 1,5°C. E ancora, entro il 2030, le 7 nazioni tenteranno poi di decarbonizzare buona parte del loro mix elettrico.

I finanziamenti al carbone, più di ogni altro sostegno economico, sono incompatibili con la lotta ai cambiamenti climatici. L’aiuto monetario, avanzato da enti statali o privati, a beneficio di centrali energetiche basate su questo combustibile è quindi destinato a cessare. In primo luogo, proprio in virtù del forte impatto ‘climalterante’ della più primitiva tra le fonti fossili. Costituito essenzialmente da carbonio e altri elementi in tracce, il carbone ha trovato impiego come combustibile a partire già dalla Rivoluzione Industriale. Data la sua abbondanza e la facile reperibilità, questo materiale è diventato indispensabile. Tant’è che ancora oggi è il combustibile fossile più utilizzato dopo il petrolio.

Il carbone però, peggio di qualunque altra fonte energetica, una volta combusto libera una percentuale di gas serra elevatissima. Basti pensare che, a parità di energia generata, le emissioni di anidride carbonica sprigionate da questo sono il 30% in più di quelle emesse dalla combustione del petrolio e perfino il 70% in più di quelle sprigionate dal gas naturale. Il suo impiego comporta, inoltre, un’elevata pericolosità per la salute umana a causa del rilascio di polveri sottili. Non a caso, i paesi con i più alti tassi d’inquinamento e di decessi ad esso correlati, sono proprio quelli la cui sussistenza energetica è basata perlopiù sul carbone.

[di Simone Valeri]

 

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI