martedì 23 Luglio 2024

La crisi ecologica finisce sempre più spesso in tribunale: oltre 3mila contenziosi aperti

Dalle aule di tribunale in fermento dell'Europa agli angoli più remoti dell'Amazzonia, un'ondata globale di battaglie legali sta mettendo in discussione gli impegni assunti dalle nazioni in materia di ambiente e clima. Con una posta in gioco altissima, questi casi stanno riscrivendo la giustizia ambientale globale che, parallelamente, sta emergendo come strumento essenziale per la tutela dei diritti umani. Non a caso, sono sempre più numerosi i cittadini che si rivolgono ai tribunali per sollecitare politiche ecologiche maggiormente efficaci e, soprattutto, una riduzione delle emissioni indust...

Questo è un articolo di approfondimento riservato ai nostri abbonati.
Scegli l'abbonamento che preferisci 
(al costo di un caffè la settimana) e prosegui con la lettura dell'articolo.

Se sei già abbonato effettua l'accesso qui sotto o utilizza il pulsante "accedi" in alto a destra.

ABBONATI / SOSTIENI

L'Indipendente non ha alcuna pubblicità né riceve alcun contributo pubblico. E nemmeno alcun contatto con partiti politici. Esiste solo grazie ai suoi abbonati. Solo così possiamo garantire ai nostri lettori un'informazione veramente libera, imparziale ma soprattutto senza padroni.
Grazie se vorrai aiutarci in questo progetto ambizioso.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

3 Commenti

  1. l’importante è che la si smetta di puntare il dito solo e sorattutto contro la CO2, che viene indicata come la responsabile principale di tutti i mali. L’inquinamento è fatto di una miriade di componenti molto più pericolose e meno evidenti (vedi le emissioni elettromagnetiche), il rilascio dei prodotti di conbustione dei carburanti degli aerei, l’uso indiscriminato della geoingegneria atmosferica per “controllare” il meteo, solo per fare qualche esempio.

  2. Confortante è leggere queste iniziative giudiziarie contro l’inquinamento e a difesa della salute e dell’ambiente.
    Deprimente e vergognoso è pensare a Taranto (Ilva), terre dei fuochi (Caserta e Napoli), Sardegna (basi militari) e Veneto (Pfas), dove la gente e i bambini muoiono o si ammalano gravemente a centinaia, senza che la giustizia dia il minimo segno di coscienza.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI