giovedì 18 Agosto 2022

Kenya, necessari 62 miliardi di dollari per combattere la crisi climatica

Il Kenya avrebbe bisogno di 62 miliardi di dollari per mitigare il cambiamento climatico ed adattarsi alla crisi che ne deriva. Una cifra pari a quasi il 67% del suo PIL. È quanto afferma un documento governativo inviato alla convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici. Il rapporto ha quantificato l’entità della sfida che il paese ha deciso di affrontare. Il Kenya, infatti, avrebbe intenzione di ridurre del 32% l’emissioni di gas serra entro il decennio. Oltre il 90% delle spese – trapela dal documento – saranno affidate a fonti internazionali.

Il Kenya rilascia in atmosfera meno dello 0,1% delle emissioni globali di gas serra e ha un tasso di emissione pro capite inferiore alla metà della media globale. Nonostante ciò il paese – come tutti gli altri Stati più poveri del pianeta – soffre maggiormente gli impatti del cambiamento climatico. Questo, a causa della mancanza di strumenti economici efficaci per rispondere ai principali effetti della crisi climatica, come siccità ed inondazioni. Ad esempio, nel 2011, una grave siccità ha causato danni stimati in 11 miliardi di dollari. Un’altra, durata dal 2014 al 2018, ha lasciato oltre 3 milioni di persone in condizioni di insicurezza alimentare e mezzo milione di persone senza accesso all’acqua. Il paese – dove l’84% della terra è arida e semi-arida – sono andati persi 8.500 ettari di colture, lasciando meno del 16% della terra a sostenere più dell’80% della popolazione.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI