fbpx
sabato 16 Ottobre 2021

Perù, le proteste indigene obbligano a chiudere Machu Picchu

Da alcuni giorni la storica cittadella Inca del Perù è stata chiusa: è stato indetto uno sciopero a tempo indeterminato dalle organizzazioni sociali del distretto di Machu Picchu. Lo scopo è di sollecitare una riduzione del prezzo dei biglietti ferroviari e di aumentare il numero di frequenze dei treni per i turisti peruviani. Darwin Barca, sindaco di Machu Picchu, ha confermato al quotidiano Gestión che la popolazione è in rivolta per il forte aumento del prezzo dei biglietti del treno fra Cusco e la località turistica.

La Direzione Decentrata della Cultura (DDC) del paese sudamericano ha annunciato di limitare il passaggio turistico a Machu Picchu fino a quando non verrà raggiunto un accordo con gli operatori ferroviari e le comunità circostanti. “A causa delle interruzioni annunciate nel distretto di Machu Picchu e al fine di salvaguardare l’integrità dei suoi visitatori, la cittadella di Machu Picchu non sarà aperta dal 14 dicembre fino a quando questa situazione non sarà ripristinata”, afferma il comunicato del DDC. Nel mentre, residenti hanno denunciato lo sdegno della Polizia che ha represso violentemente i manifestanti. La regione turistica era stata già chiusa per otto mesi a causa della crisi sanitaria che sta attraversando il Paese dopo lo scoppio della pandemia di coronavirus.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiano né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di “The Week” prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati