fbpx
sabato 16 Ottobre 2021

Nigeria, Boko Haram libera gli ostaggi ma centra l’obiettivo: le scuole stanno chiudendo

Sono stati liberati 334 studenti rapiti l’11 dicembre in un attacco armato in una scuola in Nigeria (a Kankara, nello stato nord-occidentale di Katsina), rivendicato dal gruppo terrorista islamista di Boko Haram. Lo ha confermato il governatore Aminu Bello Masari, aggiungendo che i ragazzi erano tenuti sotto sequestro nella foresta di Rugu, nel vicino stato di Zamfara, e saranno riportati presto a casa. Solo ieri Boko Haram aveva diffuso un video in cui un adolescente – circondato dai suoi compagni di scuola – diceva di essere tra i 520 studenti sequestrati da Boko Haram e chiedeva al governo di trovare un accordo con i sequestratori, evitando azioni militari. Il numero dei ragazzi sequestrati rimane poco chiaro. Una fonte anonima della sicurezza ha detto all’Afp che i rapitori hanno abbandonato i ragazzi nella boscaglia dopo aver preso il riscatto e alcuni studenti sono ancora in ostaggio.

Il termine Boko Haram significa “l’istruzione occidentale è proibita”. Il Daily Nigerian aveva riferito di un messaggio audio ricevuto dal leader di Boko Haram, Abubakar Shekau, nel quale l’uomo affermava che il gruppo aveva rapito gli studenti perché l’educazione occidentale è contro i principi dell’Islam. Per questo risulta preoccupante la chiusura a tempo indeterminato delle scuole in cinque stati nigeriani. Dieci scuole sono state chiuse proprio in seguito al rapimento degli studenti della Government Science Secondary School di Kankara.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiano né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di “The Week” prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati