venerdì 1 Luglio 2022

Nuova stretta a Londra: zona rossa da mercoledì

Torna la paura in Inghilterra, che da mercoledì torna in quasi lockdown. Matt Hancock, ministro della Sanità di Boris Johnson, ha annunciato ai Comuni che è stato rilevato un nuovo ceppo Covid che sembra diffondersi in maniera più rapida. Hancock ha inoltre spiegato, che il nuovo ceppo potrebbe essere legato all’aumento dei contagi nel Sud Est dell’Inghilterra. Per tale motivo, da mercoledì 16 dicembre quest’ultima zona, incluse Londra e la contea dell’Hertfordshire, saranno sottoposte alle restrizioni da zona rossa.

Fino al 23 dicembre, saranno previste regole molto rigide per gli incontri pubblici e all’aperto con massimo sei persone, 15 invitati massimo ai matrimoni. Ristoranti, pub e bar (salvo l’asporto), alberghi e alcuni negozi dovranno restare chiusi. Per ora non si parla di chiusura anticipata delle scuole. Probabilmente per Natale, scatterà un alleggerimento di 5 giorni. L’allarme rosso riflette un rischio d’infezione definito dalle autorità sanitarie e dal governo come “molto alto” e comporta precauzioni locali vicine a quelle di un lockdown vero e proprio. Hancock ha infine dichiarato che è “altamente improbabile” che il vaccino si riveli inefficace contro questa nuova variante del Covid-19 e che sono in corso gli esami clinici per appurarlo.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI