fbpx
giovedì 28 Ottobre 2021

Covid, prima i ricchi: i paesi poveri esclusi dalla distribuzione dei vaccini

Il prossimo anno 9 persone su 10 rischiano di non potersi vaccinare contro il Covid-19, perché la maggior parte dei vaccini è stata acquistata dall’occidente. Lo denuncia People’s Vaccine Alliance, organizzazione formata da Amnesty International, Frontline Aids, Global Justice Now e Oxfam. Mentre le prime persone vengono vaccinate nel Regno Unito, gli attivisti avvertono che gli accordi conclusi dai governi dei paesi ricchi lasceranno i poveri in balia del virus. Il 14% della popolazione mondiale (ricca), si è assicurato il ​​53% dei vaccini più promettenti. Il dato peggiore è quello del Canada che ha acquistato 5 dosi per ogni suo cittadino…

People’s Vaccine Alliance, ha analizzato i dati della società Airfinity e gli accordi globali con 8 candidati ai vaccini: 67 Paesi a reddito medio e basso rischiano di essere lasciati indietro e 5 di questi (Kenya, Myanmar, Nigeria, Pakistan e Ucraina) hanno segnalato quasi 1,5 milioni di casi.

Le forniture di Pfizer/BioNTech, andranno per il 96% ai paesi ricchi, così come per il vaccino di Moderna, che si dice abbia un’efficacia del 95%. I prezzi di entrambi sono alti e l’accesso per i paesi a basso reddito sarà complicato. Al contrario, il vaccino dell’Università di Oxford/AstraZeneca, efficace al 70%, ha fissato un costo inferiore ed il 64% delle dosi andrà nei paesi in via di sviluppo. Tuttavia questa società da sola non può rifornire la popolazione mondiale povera.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiano né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di “The Week” prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati