sabato 3 Dicembre 2022

Africa, la malaria continuerà ad uccidere molto più del coronavirus

In Africa si muore più di malaria che di SARS-CoV-2. Lancia l’allarme l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) nel suo ultimo rapporto World malaria report. In particolare ha sottolineato che la crisi sanitaria causata dalla pandemia da Covid-19, ha aggravato le difficoltà di fronte alla malattia (prima in calo). Il rapporto rileva, ad esempio, che un‘interruzione del 10% nell’accesso a cure antimalariche efficaci, nell’Africa subsahariana, potrebbe portare a 19.000 decessi aggiuntivi. Una sospensione del 25% e del 50% potrebbe provocarne rispettivamente altri 46.000 e 100.000. Solo nel 2019 la malaria ha provocato 409.000 decessi in tutto il mondo (di cui il 67% bambini con meno di 5 anni), principalmente in Africa.

La malaria umana è una malattia causata da protozoi parassiti, trasmessi all’uomo da zanzare femmine infette, del genere Anopheles. Attualmente risulta diffusa principalmente in zone tropicali e subtropicali. L’Oms la definisce come una malattia seria, ma prevenibile e curabile se diagnosticata tempestivamente e trattata con farmaci adeguati.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI