giovedì 18 Agosto 2022

Whirlpool chiude lo stabilimento di Napoli: 340 operai licenziati con un sms

Lo stabilimento napoletano della Whirlpool da questa mattina è chiuso, e nelle intenzioni della multinazionale statunitense non riaprirà più. I 340 lavoratori hanno conosciuto la decisione solo ieri, avvisati via sms dall’azienda, ed immediatamente hanno organizzato la protesta, con un corteo nelle strade di Napoli e poi passando la notte all’interno della fabbrica.

La decisione della Whirlpool era già stata annunciata a luglio, ma fino all’ultimo si era sperato in una marcia indietro. Il governo italiano ha cercato un accordo proponendo forme di sostegno economico all’azienda in cambio del mantenimento della sede, ma l’azienda ha rifiutato. Secondo i sindacati la multinazionale intende delocalizzare la produzione in India. Appena due anni fa l’azienda aveva raggiunto un accordo con il governo italiano, ricevendo anche sovvenzioni, per rilanciare lo stabilimento con un piano triennale di investimenti, ora arriva la marcia indietro.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI