venerdì 7 Ottobre 2022

Covid, i piani globali per rilanciare l’economia peggioreranno la crisi climatica

La prospettiva di una ripresa verde globale dalla pandemia di coronavirus è in bilico. Lo afferma l’inchiesta pubblicata dal Guardian. Almeno 18 delle più grandi economie del mondo, infatti, versano denaro nei combustibili fossili, per evitare una recessione peggiore di quella già in atto.

Solo 4 paesi (Francia, Spagna, Regno Unito e Germania) e l’UE stanno pompando fondi di salvataggio in sforzi a basse emissioni di carbonio. All’altro estremo della scala, la Cina e gli USA che stanno affrontando il problema con, rispettivamente, lo 0,3% e l’1% dei loro pacchetti previsti per progetti verdi. Entrambe fondamentali per il raggiungimento della ripresa. L’elezione di Joe Biden, tuttavia, ha il potenziale per poter trasformare la ripresa: gli USA potrebbero superare l’UE come investimenti a basse emissioni di carbonio.

I Paesi sono anche in ritardo rispetto agli accordi di Parigi sul clima. L’Agenzia internazionale dell’energia ha calcolato che si stanno pianificando tagli alle emissioni solo del 15% rispetto alle riduzioni necessarie per raggiungere gli obbiettivi previsti.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI