mercoledì 18 Maggio 2022

Le proteste contro le misure anti-Covid sono in tutta Italia: ecco la mappa

Le proteste sono in tutta la penisola, non solo in poche città. Cortei spesso molto partecipati, quasi sempre pacifici e distanti dalle immagini dei pochi scontri su cui si sono soffermati i media. Non solo Milano, Catania, Roma e Napoli: da nord a sud, praticamente non c’è Regione che non sia interessata da movimenti di protesta contro le misure di chiusura contenute nell’ultimo Dpcm firmato dal governo Conte.

A Torino hanno sfilato due diversi cortei, migliaia di persone hanno manifestato a Trieste. A Viareggio i manifestanti hanno bloccato il lungomare per protesta, a Taranto una donna si è incatenata ai cancelli della palestra di cui è titolare, e decine di persone si sono unite a lei in solidarietà. A Salerno in centinaia hanno improvvisato un corteo che intendeva arrivare al quartiere Carmine, dove risiede il governatore della Campania Vincezo De Luca, le forze dell’ordine lo hanno impedito con cariche e lacrimogeni. Manifestazioni in altre decine di città tra cui: Ferrara, Palermo, Siracusa, Rimini, Cagliari, Genova, Foggia, Pescara, Pesaro, Catanzaro, Vicenza, Treviso, Bologna, Firenze, Bari, Lecce, Campobasso, Sanremo, Verona.

In molte città erano presenti più cortei o presidi, in quanto vi erano anche eventi di protesta convocati da gruppi di lavoratori, tra questi particolarmente partecipate le proteste dei lavoratori dello spettacolo a Milano (animata dall’attore Paolo Rossi), quella delle partite iva a Perugia e quella dei tassisti a Torino. Altre decine di iniziative sono in programma per questa sera, mentre i ristoratori si sono dati appuntamento per domani (mercoledì 28/10) alle ore 11:30 in tutte le piazze delle città capoluogo di regione.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI