venerdì 27 Maggio 2022

Strage di migranti al largo del Senegal: almeno 140 morti

Un’imbarcazione con circa 200 migranti a bordo ha preso fuoco e poi è affondata al largo del Senegal, almeno 140 delle persone a bordo sono morte; si tratta del più grave incidente sulla tratta dei migranti nel 2020. L’incidente è avvenuto il 24 ottobre, poco ore dopo la partenza dalla città senegalese di Mbour, ma solo ieri sera è stato reso noto dall’Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim).  59 persone sono state tratte in salvo dalla marina senegalese, da quella spagnola e da pescatori locali, che hanno anche recuperato i resti di altre 20 persone. La nave era diretta verso le Canarie, Spagna.

Con questo naufragio, secondo il Missing migrants project dell’Oim, almeno 414 persone sono morte lungo questa rotta finora nel 2020, rispetto alle 210 vittime dell’intero 2019.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI