martedì 27 Settembre 2022

Berlino: vandalizzate oltre 70 opere della Museumsinsel

Ignoti hanno imbrattato almeno settanta oggetti nella ‘Museumsinsel’, il complesso di musei situato al centro di Berlino, lo scorso 3 Ottobre. Lo afferma la polizia che ha rilasciato le notizie solo nelle ultime ore. Il principale indiziato è Attila Hildmann, chef vegano noto per il suo feroce antisemitismo e per le teorie complottiste. A giugno era stato cacciato dalla scalinata dell’Altes Museum dove teneva i propri comizi. Inoltre venne esposto all’ingresso uno striscione contro il razzismo. Questi due episodi hanno scatenato l’ira di Hildmann che per tutta l’estate ha aizzato i suoi sostenitori contro i musei, “centro dei satanisti e criminali del coronavirus”.

Le procure di Berlino e Brandeburgo indagano già dalla scorsa estate per incitazione all’odio. Adesso però, un altro sospetto si aggiunge al nome dell’ex star della cucina vegana.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI