lunedì 22 Luglio 2024

I portuali di Genova bloccano il porto contro il traffico di armi a Israele

Tornano a manifestare i portuali di Genova, che da questa mattina hanno chiamato un presidio non autorizzato in sostegno della Palestina per bloccare i varchi portuali della città e protestare contro il traffico di armi verso Israele. Al corteo presenti circa 800 persone, che oltre ad avere bloccato il traffico hanno sfilato davanti a un edificio di Leonardo, l’azienda italiana leader degli armenti e della guerra. “Lo Stato italiano è complice delle guerre in corso“, producendo armamenti e fornendo “supporto logistico anche tramite i suoi porti, per garantire che queste armi arrivino a destinazione”: queste le accuse lanciate dai portuali, che già a novembre si erano dati appuntamento per bloccare le armi dirette a Israele. Il presidio lanciato dai portuali di Genova si colloca infatti in un generale movimento di protesta dal basso contro il traffico marittimo di armi, che in Italia – come in Europa – ha portato a muoversi tanto i lavoratori del settore, quanto le comunità cittadine.

Il presidio è iniziato alle 6.00 del mattino e intendeva bloccare i varchi del porto di Genova per denunciare “la complicità dell’Italia nel genocidio in corso in Palestina”. A partire dalle prime ore dell’alba, i manifestanti si sono dunque riuniti per bloccare il varco di San Benigno, per poi muoversi verso gli altri terminal, bloccando anche quelli di Ponte Etiopia (dalle 7.45/8 circa) e Albertazzi. Vani, invece, i tentativi di arrivare al varco di Ponente, presidiato dalle camionette delle forze dell’ordine. Durante il corteo i dimostranti hanno fermato il traffico portuale di merci e passeggeri, e sono poi virati verso l’autostrada, causando code e rallentamenti su tratti delle autostrade A12, A10, e A7. Visto il presidio della polizia, parte del corteo si è spostata davanti a un edificio di Leonardo, assediandolo con fumogeni, sassi, cerchioni di macchina, e scritte.

Alla manifestazione dei portuali di Genova hanno partecipato diverse realtà provenienti da tutta Italia. Tale presidio rientra infatti in un generale moto di protesta attivo in tutta Europa, in solidarietà alla Palestina, e in generale contro il traffico e la produzione di armi. In Spagna lo stesso Governo si è mosso per bloccare l’arrivo della nave Borkum, sospettata di trasportare armi verso Israele; la stessa nave è poi arrivata anche a Venezia, dove decine di cittadini si sono radunati per contestarne la presenza. Giusto una settimana fa, in Grecia, si è presentata una analoga situazione, ma a contestare la presenza della nave (la MSC Altair) sono stati gli stessi portuali; la nave ha poi fatto tappa a Gioia Tauro, in Calabria. I portuali di Genova, inoltre, si erano già mossi a novembre per protestare contro il traffico di armi verso Israele, e in generale in tutta Italia gli scioperi e le manifestazioni di categoria contro il traffico di armi vanno avanti da almeno un anno.

[di Dario Lucisano]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

3 Commenti

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI