venerdì 12 Aprile 2024

USA: la teoria del diritto alle armi e la cruda realtà

Le armi da fuoco circolano in tutto il mondo. L’industria delle armi, con l’ovvia complicità del settore militare (e non solo) è fiorente e frutta decine di miliardi ogni anno. In ambito civile, le armi da fuoco sono molto diffuse anche tra la popolazione, per differenti motivi a seconda del Paese. Nella classifica per il numero di armi mediamente possedute da ogni cittadino (sia in termini assoluti che percentuali), gli Stati Uniti si trovano al primo posto, con un notevole distacco rispetto agli altri Paesi. La diffusione e l’utilizzo di armi da fuoco varia da Paese a Paese e tale differenza...

Questo è un articolo di approfondimento riservato ai nostri abbonati.
Scegli l'abbonamento che preferisci 
(al costo di un caffè la settimana) e prosegui con la lettura dell'articolo.

Se sei già abbonato effettua l'accesso qui sotto o utilizza il pulsante "accedi" in alto a destra.

ABBONATI / SOSTIENI

L'Indipendente non ha alcuna pubblicità né riceve alcun contributo pubblico. E nemmeno alcun contatto con partiti politici. Esiste solo grazie ai suoi abbonati. Solo così possiamo garantire ai nostri lettori un'informazione veramente libera, imparziale ma soprattutto senza padroni.
Grazie se vorrai aiutarci in questo progetto ambizioso.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Articoli correlati

3 Commenti

  1. E smettere di produrle e distruggere quelle esistenti. Di produrre film e serie TV che ne promuovono l’uso.Scommetto che se sponsorizzi la non violenza e elimini le armi, prima o poi finirà per abituarsi anche l’umanità più becera. L’uomo è un emulatore per natura fa la guerra perché non capisce che stare in pace è meglio.

  2. In fondo nella vendita di armi ci guadagnano tutti: migliaia di posti di lavoro per operai, venditori, agenti di polizia, commercianti, personale ospedaliero, esportatori, giornalisti, governi ecc. ecc. L’unico che ci rimette è il poveraccio che viene ucciso, ma è solo un essere umano, cioè la merce più diffusa e meno costosa sul pianeta.

  3. Solo quelli che conoscono di armi e guerra capiranno ma la risposta esatta è si ai fucili e tutti dovrebbero essere addestrati ad usarli a scuola, specie le ragazze, perché sono visti pubblicamente e quindi usati pubblicamente.
    e
    Pistole di qualunque tipo, solo ed esclusivamente alle forze dell’ordine meglio addestrate, con divieto assoluto per i civili.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI