domenica 26 Maggio 2024

Covid, nuovo studio: efficacia 4a dose vaccinale molto limitata e talvolta negativa

La quarta dose di vaccino potrebbe non essere efficace come previsto e portare ad un’efficacia negativa rispetto a chi ha ricevuto meno dosi entro pochi mesi sia per le infezioni che per i decessi. Lo riporta un recente studio osservazionale, retrospettivo, sottoposto a revisione paritaria e pubblicato sull’European Journal of Clinical Investigation. I ricercatori hanno calcolato l’efficacia relativa ai decessi e alle infezioni tra il 1° novembre al 31 dicembre 2022 in quasi 4 milioni di individui austriaci già precedentemente infettati e hanno poi esteso il periodo di osservazione fino al 30 giugno 2023. Tra i risultati sono state riscontrate letalità complessiva dello 0,08%, efficacia del -24% rispetto a coloro che hanno ricevuto tre dosi e più decessi per Covid-19 tra individui che hanno ricevuto quattro vaccinazioni rispetto a tutte le altre categorie. I dati relativi alle infezioni sono risultati leggermente migliori rispetto al gruppo con tre vaccinazioni, ma peggiori rispetto a chi ha ricevuto due dosi o meno.

Nonostante i continui inviti nel continuare la campagna di vaccinazione somministrando quarte e quinte dosi, le prove dell’efficacia del quarto ciclo di vaccinazione risultano ancora limitate in popolazioni con precedenti infezioni da Sars-CoV-2. Un recente studio sottoposto a revisione paritaria e finanziato dal Fondo scientifico austriaco ha mostrato che l’efficacia può scendere velocemente fino a valori negativi nell’arco di pochi mesi. I ricercatori hanno utilizzato i dati sanitari nazionali del sistema di segnalazione epidemiologica austriaco (EMS) e hanno incluso tutti i residenti precedentemente infetti dal virus in Austria e non deceduti fino al 1° novembre 2022. Sono così state selezionate 3.986.312 persone idonee suddivise poi per sesso, fasce d’età e numero di dosi ricevute. Oltre l’80% degli austriaci vaccinati aveva ricevuto il vaccino COVID-19 di Pfizer durante il periodo iniziale, percentuale salita al 97,4% per gli individui che avevano ricevuto quattro dosi di vaccino nell’osservazione estesa al 30 giugno 2023.

Tra novembre e dicembre 2022, sono stati registrati 69 decessi per Covid-19 e 89.056 infezioni con un tasso di letalità dello 0,8% sul gruppo analizzato. Nello studio si legge che “non sono state riscontrate differenze significative nei decessi per Covid-19 confrontando i gruppi con quattro rispetto a tre dosi di vaccino”, ma è stata rilevata una efficacia relativa (rVE) del -24%, mentre è stata registrata una rVE del 17% per le infezioni. Inoltre, “non sono state riscontrare differenze significative tra altri gruppi nella mortalità per Covid-19, ma sono state registrate meno infezioni nei gruppi meno vaccinati”. In particolare, tra il 1° novembre ed il 31 dicembre 2022 sono state registrate 8.511 infezioni (corrispondenti ad un tasso di 29,02 eventi per 100.000 giorni persona) e 31 decessi (tasso di 0,10 eventi per 100.000 giorni-persona) tra coloro che avevano ricevuto la quarta dose, 37.624 infezioni (tasso di 43,89) e 20 decessi (tasso di 0,02 eventi per 100.000 giorni-persona) tra coloro che avevano ricevuto la terza dose e 20.367 infezioni (tasso di 27,98) e 11 decessi (tasso di 0,01) tra gli individui non vaccinati. Inoltre, nessun individuo di età inferiore ai 40 anni è morto a causa del virus, «l’efficacia relativa (rVE) è diminuita rapidamente dopo la quarta vaccinazione» e «gli individui con infezioni precedenti ripetute avevano un rischio di reinfezione ridotto».

Tra il 1° gennaio ed il 30 giugno 2023, sono invece stati registrati 225 decessi per Covid-19 e 174.174 infezioni da Sars-CoV-2. L’efficacia relativa rilevata per quattro rispetto a tre dosi di vaccino è stata del -17% ed è stato confermato che «l’rVE rispetto a tutti i gruppi meno vaccinati è gradualmente diminuito da novembre 2022 a giugno 2023». In particolare, sono state registrate 29.808 infezioni (tasso del 30,91) e 95 decessi (tasso del 0,10) tra coloro che avevano ricevuto quattro dosi, 80.246 infezioni (tasso del 31,34) e 75 decessi (tasso del 0,03) tra coloro che si erano sottoposti alla terza dose e 24.964 infezioni (tasso dell’11,04) e 29 decessi (tasso dello 0.01) tra coloro che non si sono mai vaccinati.

I ricercatori hanno concluso che i risultati confermano altri studi ed “estendono le poche indagini sull’efficacia di una quarta dose di vaccino su risultati clinicamente significativi in persone precedentemente infette da Sars-CoV-2″. Rispetto a tre dosi di vaccino, coloro con un numero inferiore o nullo di dosi ricevute “non differivano significativamente per mortalità da Covid-19, ma hanno riscontrato un rischio ridotto di infezione”. Infine, i risultati «si adattano bene all’ipotesi di una diminuzione dell’efficacia e quindi di uno spostamento del rapporto rischio-beneficio derivante da vaccinazioni aggiuntive durante la transizione della pandemia COVID-19 alla sua fase endemica» e «sottolineano anche il ruolo fondamentale della sorveglianza sanitaria nazionale attiva durante una pandemia».

[di Roberto Demaio]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

2 Commenti

  1. Condivido quanto dice Riccardo. (1) Gli studi retrospettivi hanno minore valore rispetto a quelli prospettici (2) capire le diverse coorte che hanno ricevuto le diverse dosi.
    Questi dati: efficacia del -24% rispetto a coloro che hanno ricevuto tre dosi e più decessi per Covid-19 tra individui che hanno ricevuto quattro vaccinazioni vanno compresi, non sbandierati. è legato all’età dei pazienti? Come fa una molecola ad avere una efficacia ridotta dopo una risomministrazione? Erano gli stessi pazienti o pazienti diversi? Facevano parte delle stesse coorti di età/sesso o differenti?

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI