giovedì 25 Luglio 2024

Secondo un nuovo studio anche il cervello controlla il battito del cuore

Nonostante a controllare i battiti del cuore sia principalmente il sistema nervoso autonomo, anche il cervello può avere la sua parte: è quanto emerge da una nuova ricerca sottoposta a revisione paritaria e pubblicata sui volumi della rivista scientifica Science. I ricercatori, diretti da Airi Yoshimoto dell’Università di Tokio, hanno stimolato particolari regioni del cervello dei ratti scoprendo che in poco tempo le cavie hanno imparato a ridurre la frequenza cardiaca entro 30 minuti e hanno ottenuto una diminuzione dei batti di circa il 50% dopo cinque giorni di allenamento. Si tratta di una...

Questo è un articolo di approfondimento riservato ai nostri abbonati.
Scegli l'abbonamento che preferisci 
(al costo di un caffè la settimana) e prosegui con la lettura dell'articolo.

Se sei già abbonato effettua l'accesso qui sotto o utilizza il pulsante "accedi" in alto a destra.

ABBONATI / SOSTIENI

L'Indipendente non ha alcuna pubblicità né riceve alcun contributo pubblico. E nemmeno alcun contatto con partiti politici. Esiste solo grazie ai suoi abbonati. Solo così possiamo garantire ai nostri lettori un'informazione veramente libera, imparziale ma soprattutto senza padroni.
Grazie se vorrai aiutarci in questo progetto ambizioso.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

4 Commenti

  1. ”Using biofeedback-based operant learning, Yoshimoto et al. developed a rat model of self-regulated heart rate control.”
    Sta gente dovrebbe usare e sacrificare i propri figli per fare esperimenti dove si sacrificano involontari mammiferi.
    In fondo anche i loro cucciolotti sono mammiferi… O no?

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI