lunedì 26 Febbraio 2024

BRICS contro G7: i nuovi blocchi a confronto

Con l’allargamento del gruppo dei BRICS, approvato durante l’ultimo vertice del gruppo svoltosi in Sudafrica dal 22 al 24 agosto, si amplia la contrapposizione e il confronto tra quelli che ormai possono essere considerati due blocchi che si fronteggiano tra loro sul piano politico, economico e militare: il G7 e il gruppo di quelle che una volta venivano definite economie emergenti, ma ormai non più considerabili come tali. L’ingresso di sei nuovi membri (BRICS + 6) costituiti da Iran, Egitto, Etiopia, Argentina, Arabia Saudita e Emirati Arabi Uniti, che si sono andati ad aggiungere ai membri ...

Questo è un articolo di approfondimento riservato ai nostri abbonati.
Scegli l'abbonamento che preferisci 
(al costo di un caffè la settimana) e prosegui con la lettura dell'articolo.

Se sei già abbonato effettua l'accesso qui sotto o utilizza il pulsante "accedi" in alto a destra.

ABBONATI / SOSTIENI

L'Indipendente non ha alcuna pubblicità né riceve alcun contributo pubblico. E nemmeno alcun contatto con partiti politici. Esiste solo grazie ai suoi abbonati. Solo così possiamo garantire ai nostri lettori un'informazione veramente libera, imparziale ma soprattutto senza padroni.
Grazie se vorrai aiutarci in questo progetto ambizioso.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Articoli correlati

4 Commenti

  1. Nella speranza che da un padrone prepotente non se ne passi ad un altro. Mi piacerebbe vedere che i due blocchi contrapposti si stringessero la mano in cooperazione e con volontà di sviluppo e sostenibilità comune. Ma forse pretendo troppo.

  2. Eccellente illustrazione di un processo graduale di economia sociale dei BRICs, contrapposta all’occidentale dittatura finanziaria USA.
    Ci vorranno decenni ma, le nuove generazioni europee si aggregheranno alla politica socio-economica dei BRICs dopo la forte recessione già iniziata in Europa e successiva depressione di almeno due decenni che farà riflettere molte menti ostruite dalla propaganda USA.
    Si tratta per l’Europa di uscire dall’agenda di Albert Pike (1870) e i suoi illuminati, di distruggere con le tre guerre mondiali, i governi e le religioni d’Europa, dettate un secolo e mezzo fa.
    Riusciranno gli europei a tirar fuori dalla terra le loro teste?

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI