domenica 21 Luglio 2024

La sfida del tempo

Si può osservare il tempo? Sembra paradossale. Non si tratta di considerare le conseguenze del suo passaggio, troppo banale, né di misurarne la durata, causa di troppe ansie, né di conoscerne il fluire, basta un orologio, ma di considerarlo per come è, in sé, come qualcosa o qualcuno che non conosciamo ancora bene, come un oggetto di un museo oppure come un fenomeno naturale.

L’anno scorso, era primavera, col cielo sereno e un vento leggero, mi sono trovato sul vertice di una collina, in Portogallo e il tempo era davanti a me, solido ma neanche troppo maestoso, come una torre, un campanile, o una navicella spaziale, là in alto, pronta a decollare.

Ero accanto a un mulino. Un mulino macina allusioni, muove il tempo, produce narrazioni virtuali, sorveglia come un faro l’orizzonte, contiene ospiti ignoti. Custodisce ad esempio Don Chisciotte e i suoi deliri ma anche Amleto, l’eroe tragico del movimento, delle illusioni. Insuperabile il libro ‘Il Mulino di Amleto’ di Santillana e von Dechend, edito da Adelphi, che va alle origini mitiche del nostro fantasticare.

Un mulino così, solitario, ti sottrae alla immediatezza dell’esperienza, ti sospinge in un altrove, ti fa diventare regista di quegli attimi sospesi che si riempiono di flash back. Come se attorno alle pale si svolgesse la pellicola di un film.

Il movimento, dunque, diventa misura del tempo, come declamavano i filosofi antichi e come ricordava Umberto Eco: un mulino, ispirazione, fra l’altro, del suo romanzo ‘Il pendolo di Foucault’.

Quando siete in autostrada e incrociate qualche tir tedesco, e leggete sul telone Schwarzmuller, pensate che quel ‘mugnaio nero’ era nelle leggende il diavolo, la forza oscura che teneva unite, non separate, la farina e la crusca.

Dividere, invece, distinguere, e quindi conoscere e immaginare è invece la giusta sfida del tempo.

[di Gian Paolo Caprettini]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

Articolo precedente
Articolo successivo

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI