mercoledì 17 Aprile 2024

Dopo un decennio di guerra civile la Siria cerca la strada verso la stabilizzazione politica

In Medio Oriente si vedono i riverberi del sasso lanciato nello stagno da parte della Cina, col suo ruolo nel processo di normalizzazione dei rapporti tra Arabia Saudita e Iran, il quale sta dando nuova forma e sostanza ai rapporti politici nell’area. Il primo maggio, ad Amman, in Giordania, si sono riuniti i ministri degli Esteri di Giordania, Arabia Saudita, Egitto, Iraq e Siria col fine di stabilire un percorso che porti alla soluzione politica della crisi siriana, la quale si protrae ormai dal 2011 e che ha visto una guerra civile divenuta una guerra internazionale per procura.

Nella dichiarazione finale della riunione tenuta ad Amman dai ministri degli Esteri di Giordania, Arabia Saudita, Egitto, Iraq e Siria, viene scritto: “I ministri degli esteri di Giordania, Arabia Saudita, Iraq ed Egitto hanno sottolineato la priorità di porre fine alla crisi e a tutte le morti e le distruzioni che ha causato, e di porre fine alle sofferenze del popolo siriano e alle ripercussioni negative regionali e internazionali della crisi, attraverso una soluzione politica che preservi l’unità, la coesione e la sovranità della Siria, soddisfa le aspirazioni del suo popolo e contribuisce alla promozione di condizioni favorevoli al ritorno volontario e sicuro dei rifugiati, alla partenza di tutte le forze straniere illegali dalla Siria, alla realizzazione degli interessi nazionali e al ripristino della sicurezza, della stabilità e del ruolo della Siria”. Dunque, viene nuovamente riconosciuta la sovranità siriana e il suo governo, oltre alla sua unità e coesione, intesa tanto territoriale che sociale.

Inoltre, nella riunione dei ministri degli Esteri si è deciso “di sostenere la Siria e le sue istituzioni in qualsiasi sforzo legittimo per estendere il controllo sul loro territorio e imporre lo stato di diritto, porre fine alla presenza di gruppi armati e terroristici in territorio siriano e fermare gli interventi stranieri negli affari interni della Siria, in conformità con il diritto internazionale e la Carta delle Nazioni Unite”. In tal modo si rafforza quanto precedentemente affermato, oltre a denunciare ingerenze esterne nelle vicende politiche siriane.

I ministri hanno poi espresso sostegno e solidarietà al popolo e al governo siriano nell’affrontare la crisi seguita al devastante terremoto che ha colpito Siria e Turchia e per cui vari paesi avevano già aperto canali per l’invio di aiuti umanitari. Inoltre, per quanto concerne i rifugiati di guerra, i ministri “hanno convenuto di rafforzare la cooperazione tra il governo siriano e i paesi che ospitano i rifugiati e di coordinarsi con gli organismi competenti delle Nazioni Unite per organizzare il ritorno volontario e sicuro dei rifugiati e porre fine alle loro sofferenze, secondo procedure specifiche e un calendario chiaro”.

I Paesi coinvolti nel percorso di stabilizzazione politica, a tal fine, si sono impegnati, con il coinvolgimento della comunità internazionale e delle Nazioni Unite, a attuare progetti di ripresa rapida – anche ove saranno rimpatriati i rifugiati – con la costruzione di “costruzione di scuole, ospedali, strutture pubbliche e opportunità di lavoro”.

“Realizzare la riconciliazione nazionale, consentire alla Siria di intraprendere la ricostruzione verso un futuro sicuro che soddisfi le aspirazioni del popolo siriano e il suo diritto a vivere in pace nel proprio paese e ripristinare il ruolo storico della Siria nella regione”, sono gli obiettivi di questo processo di normalizzazione siriana avviato ad Amman e che cerca partner internazionali per la realizzazione di esso.

Ecco dunque che vediamo gli effetti dello storico accordo tra le due potenze regionali del Medio Oriente, Iran e Arabia Saudita, grazie alla mediazione cinese, il quale sta ridisegnando lo scacchiere politico dell’area facendo intravedere le sembianze di un nuovo ordine mediorientale.

[di Michele Manfrin]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Articoli correlati

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI