martedì 18 Giugno 2024

Catturata con miele e frutta: l’orsa Jj4 attende la sentenza tra le proteste

A due settimane dalla morte di Andrea Papi si è arrestata la fuga dell’orsa JJ4, catturata intorno alle 23 di lunedì. L’animale che ha aggredito e ucciso il runner 26enne è stato tradito dalla frutta e dal miele piazzati come esca all’interno di una trappola “a tubo” del Corpo forestale provinciale. La cattura è avvenuta a circa 1400 metri di quota, ai piedi delle Dolomiti di Brenta, al culmine dell’inseguimento delle autorità locali, agevolate dal lavoro dei cani che hanno seguito le tracce dell’orsa e dei suoi tre cuccioli nel bosco. JJ4 è stata immediatamente sedata e riconosciuta tramite il radiocollare, dunque condotta al centro di recupero della fauna alpina di Casteller, mentre i cuccioli di circa 15 mesi sono stati rimessi in libertà. Le proteste seguono adesso un’ulteriore direttrice: alla mobilitazione contro l’abbattimento di JJ4 si sono infatti aggiunte le preoccupazioni relative alla sopravvivenza dei tre cuccioli lontani dalla madre.

Il destino dell’animale che lo scorso 5 aprile ha ucciso Andrea Papi verrà deciso nelle prossime settimane. L’ordinanza di abbattimento emessa dal presidente della Provincia Autonoma di Trento, Maurizio Fugatti, è stata infatti sospesa dal Tribunale amministrativo regionale (TAR) fino all’udienza fissata per l’11 maggio. Tra tre settimane i giudici saranno chiamati a esprimersi definitivamente sulla condanna a morte dell’orsa, bloccando dunque l’ordinanza di abbattimento (fino a eventuali ricorsi successivi) o dandone il via libera. I sindaci della Val di Sole hanno chiesto a gran voce la soppressione dell’animale, minacciando dimissioni in blocco. I familiari di Andrea Papi si sono invece detti contrari, così come le associazioni ambientaliste. L’OIPA di Trento e la Lega nazionale del cane (LNC) hanno organizzato per venerdì un sit-in nel capoluogo trentino mentre gli attivisti della Campagna “StopCasteller” hanno indetto per il 23 aprile una giornata di protesta davanti al centro di recupero della fauna alpina dove è stata portata l’orsa JJ4 dopo la cattura. Le proteste sono sbarcate in modo massiccio anche su internet, dov’è stato lanciato l’hashtag #boicottailtrentino, con centinaia di persone che hanno assicurato di non fare mai più vacanze nella regione.

L’associazione italiana difesa animali ed ambiente (AIDAA) ha querelato il Presidente della Provincia di Trento per maltrattamento di animali e istigazione a delinquere. «Fugatti è responsabile di aver ordinato la cattura di una madre orsa nonostante la stessa stia ancora accudendo i suoi tre cuccioli, mettendo a rischio la loro vita» visto «lo svezzamento ancora in corso», ha scritto l’associazione. Generalmente, i cuccioli di orso bruno rimangono con la madre fino ai due, massimo quattro anni, durante i quali apprendono le varie tecniche di sopravvivenza, dalla caccia alla difesa. Si tratta di una fase di dipendenza nei confronti della madre. Proprio in virtù dell’intensità del legame affettivo nei primi anni di età, le associazioni animaliste concordano sulla possibilità che l’attacco fatale di JJ4 sia la conseguenza della presenza dei tre cuccioli, che ha innescato dunque il suo istinto materno.

[di Salvatore Toscano]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

7 Commenti

  1. Ma chi lascia questi commenti e fuori strada e fosse stato un vostro figlio ad essere assalito dall’orsa? Il corridore stava appunto correndo non stava facendo niente di male e quest’orsa ora ancora più terrorizzata dall’uomo potrebbe una volta libera assalirne di altri. È da considerare questa eventualità che si possa mettere a rischio la vita di altre persone amanti della natura quanto voi, magari voi stessi. Tali vostri commenti senza senso da difensori da salotto sono incredibilmente stupidi.

    • Come già spiegato in altri articoli e commenti sul tema (da profani e da professionisti del settore), ci sono molti accorgimenti che si possono attuare per una OTTIMA E SICURA CONVIVENZA tra orso (animale pericoloso in genere) e uomo. In molti altri stati (USA, Canada, sud est asiatico non per orsi naturalmente, ecc..) sono in atto da anni; e si può sempre migliorare; Se in Trentino non vogliono più orsi, devono prendersi la responsabilità di tornare sui propri passi. Non c’è alcun bisogno di uccidere, se non peggio, di estinguere.
      E poi basta con queste frasi del tipo: “tra l’uomo e l’orso scelgo l’uomo” (Salvini e compagnia..), “e se fosse stato tuo figlio?”.
      Le persone un minimo sensibili ed INTELLIGENTI, quale penso tu sia, e come i genitori stessi del ragazzo assalito, non vogliono una infantile vendetta inutile. Questo sì che è STUPIDO E CRUDELE!
      Mi sembra che i commenti qui, siano in piena sintonia con la stragrande maggioranza dell’universo mondo (l’ultimo che ho sentito in tal senso è stato quello di Vittorio Feltri, pensa un po’) che si è espresso sull’argomento.
      La natura non è a completa disposizione e sottomissione all’uomo; alberi, piante, animali non sono cose, ma esseri viventi preziosissimi per l’uomo che se ne deve prendere cura. Ci vuole amore, responsabilità, competenza e volontà (anche di fare qualche spesa-investimento) per una buona convivenza. C’è tutto da guadagnarci.
      E finisco, dovessi morire io così, a causa di un incontro fatale con serpente, orso, lupo, vespa, medusa, squalo ecc.. darei la stessa medesima disposizione ai miei cari: “non fiori, ma donazioni a favore di associazioni per la tutela di animali ed ambiente!”.
      Saluti.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI