mercoledì 28 Settembre 2022

Speciale elezioni, l’identikit dei partiti: Lega

Mancano appena due settimane alle elezioni del 25 settembre che vedranno gli italiani impegnati a votare per i prossimi rappresentanti parlamentari. I partiti hanno presentato i propri programmi e la redazione de L’Indipendente punta a offrire una riflessione critica sulle loro proposte e sull’operato passato, in vista di un voto consapevole. Dopo aver analizzato le intenzioni di Fratelli d’Italia e Partito democratico, è arrivato il turno della terza forza politica secondo i sondaggi: la Lega, che ha presentato un programma di oltre 200 pagine.

Carta d’identità

Capo politico: Matteo Salvini

Orientamento politico: destra

Ultima legislatura: al governo durante il Conte I e il Draghi; 123 deputati e 58 senatori.

Coalizione: centro-destra (insieme a Fratelli d’Italia, Forza Italia e Noi moderati).

Slogan e programma

“L’Italia che vogliamo”

Giovani e istruzione

  • Revisione in senso meritocratico e professionalizzante dell’istruzione.
  • Ipotesi di reintroduzione della leva obbligatoria.
  • Più pratica negli istituti, ok all’alternanza scuola-lavoro.
  • Agevolazione del riscatto degli anni di laurea ai fini contributivi.
  • Pensione di garanzia (di mille euro) per i giovani lavoratori con carriere interamente nel regime contributivo.
  • Libri gratuiti o detraibili fino alle superiori.
  • Incentivi e sgravi fiscali per la creazione di start-up.
  • Investimenti nelle infrastrutture e nella ricerca.

Economia e lavoro

  • Flat tax a scaglioni.
  • Revisione del reddito di cittadinanza.
  • Innalzamento del tetto del contante, in controtendenza alle ultime misure governative in materia di lotta all’evasione fiscale.
  • Quota 41: “I lavoratori raggiungono il diritto alla pensione anticipata di anzianità con 41 anni di contributi”. Per le donne si aggiunge un anno di contributi figurativi per ogni figlio.
  • Abbassamento della pensione per le donne a 63 anni, dai 67 attuali, con almeno 20 di contributi.

Diritti

  • Ritorno dei decreti sicurezza: contrasto all’immigrazione illegale e difesa delle frontiere, implementando gli accordi con Libia e Tunisia.
  • No allo ius soli o a proposte simili sulla cittadinanza.
  • Difesa della “famiglia tradizionale”, con tanto di misure per la natalità, e condanna a pratiche come la maternità surrogata.
  • No al ddl Zan.
  • No alla legalizzazione della cannabis.
  • No all’eutanasia.

Beni comuni

  • Sì ai termovalorizzatori.
  • Creazione di una filiera nazionale sul nucleare.
  • Promozione dell’estrazione di litio e nascita di un’impresa di mining statale per l’esplorazione.
  • No alla direttiva Bolkestein*.

Politica estera

  • Ferma adesione alla NATO, ma con “impegno attivo per una tregua duratura tra Russia e Ucraina”. Revisione delle sanzioni contro la Russia.
  • Integrazione europea da far convivere con la difesa della sovranità nazionale.
  • Accordi con la guardia costiera libica e conferma del Memorandum del 2017.
  • Revisioni di diversi accordi europei in materia ambientale.

Politiche sanitarie

  • Indennizzi per i danni alla salute riportati in seguito al vaccino da Covid-19.
  • No all’obbligo vaccinale per il coronavirus.
  • Maggiori assunzioni.
  • Sviluppo e riforma della sanità territoriale.
  • Piano sperimentale con percorsi di cura per “malattie particolarmente gravi ed invalidanti quali le patologie psichiatriche e le dipendenze patologiche”.

Riforme costituzionali proposte

Il presidenzialismo alla francese (o semi-presidenzialismo), che stravolgerebbe la natura parlamentare della Repubblica, a favore di un esecutivo diviso tra il Capo dello Stato e il governo.

Considerazioni

“Il Memorandum con la Libia sottoscritto dall’Italia nel 2017 si è confermato quale strumento utile per contrastare i flussi illegali diretti verso il nostro Paese, salvare vite umane e fronteggiare le organizzazioni criminali che sfruttano la tratta dei migranti”. Parzialità di informazione, dal momento in cui non vengono citati i crimini “legalizzati” proprio grazie al Memorandum. Ne parlano, invece, diverse Ong, tra cui Human Rights Watch.

La Lega, almeno a detta dei sondaggi, vivrà la prossima legislatura all’ombra di Fratelli d’Italia. Questo ridimensionerà il programma singolo presentato da Matteo Salvini in via ufficiosa, con due risultati possibili per i punti conflittuali (come la revisione/abolizione del reddito di cittadinanza): soluzione a vantaggio del partito guidato da Giorgia Meloni, accompagnata da piccole consolazioni, o rottura. Persistono dubbi sull’effettiva possibilità di tenere Salvini come secondo al comando ed egli, in effetti, non perde occasione per parlare alla pancia degli italiani e tentare l’assalto alla leadership. Si pensi alla tavola rotonda al Forum Ambrosetti, quando Salvini si è smarcato dalla linea ufficiale, e atlantista, della coalizione per proporre una revisione delle sanzioni alla Russia, provocando l’imbarazzo (o irritazione?) di Giorgia Meloni.

Interessante l’impegno della Lega per i giovani e la scuola, soprattutto con la proposta dei libri gratuiti o detraibili per gli studenti delle elementari, medie e superiori. Peccato che il confronto con la realtà mostri la strumentalizzazione del diritto allo studio. La Lombardia, una regione da anni amministrata e governata dalla Lega, rappresenta uno dei casi in cui il diritto allo studio è meno garantito, con criteri di attribuzione delle agevolazioni quasi esclusivamente basati sul merito che non tengono conto del fattore economico e delle difficoltà in tal senso di centinaia di migliaia di famiglie.

*A fine luglio, il ddl Concorrenza è stato approvato alla Camera dei Deputati con 345 voti favorevoli e 41 contrari, questi ultimi provenienti dai banchi di Fratelli d’Italia e Alternativa. Il partito guidato da Giorgia Meloni ha prontamente rivendicato di essere stata l’unica forza di centro destra a opporsi alla norma, con la Lega ha invece fatto leva sul vago, discrezionale e ambiguo concetto di “responsabilità”, ribadendo (come più volte fatto da Bruxelles) la centralità della norma nel rispetto degli impegni del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) e nell’accesso ai fondi comunitari.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

2 Commenti

  1. Come al solito Salvini ha la faccia come il culo. Continua a dimostrare di essere un opportunista tanto quanto il suo “amico” Di Maio. Mi sa che il detto che “gratta che la rogna salta fuori”,con lui va a nozze. La Meloni, nel bene o nel male, ha dato un senso di coerenza ma questo “personaggio”, pur di non staccare il culo dalla poltrona, avrenbe messo “BELLA CIAO” come inno della Lega…….

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI