sabato 1 Ottobre 2022

Cibo senza codice a barre: i reali vantaggi di una scelta di campo

Il cibo “senza codice a barre” è semplicemente quel cibo che non proviene dai supermercati, ma che deriva da una filiera differente, locale o di prossimità. Si tratta di due cibi alquanto diversi sotto numerosi aspetti, per esempio la distanza in chilometri che percorrono lungo il globo, le informazioni che il consumatore riesce ad ottenere su chi ha prodotto l’alimento o la materia prima, non ultimo il sapore e la freschezza del prodotto.

Da questo punto di vista, il pacco di pasta acquistato al supermercato, che è prodotto con un grano coltivato in Nord America o anche in Australia spess...

Questo è un articolo di approfondimento riservato ai nostri abbonati.
Scegli l'abbonamento che preferisci e prosegui con la lettura dell'articolo.

Se sei già abbonato effettua l'accesso compilando i campi qui sotto o utilizza il pulsante "accedi" posizionato in alto a destra, nella parte superiore del sito. 

ABBONATI / SOSTIENI

Benefici di ogni abbonato

  • THE SELECTION: newsletter giornaliera con rassegna stampa dal mondo
  • Accesso a rubrica FOCUS: i nostri migliori articoli di approfondimento
  • Possibilità esclusiva di commentare gli articoli
  • Accesso al FORUM: bacheca di discussione per segnalare notizie, interagire con la redazione e gli altri abbonati

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

4 Commenti

  1. Direi che c’e’ nell’articolo un po’ di confusione tra “biologico” e “di prossimita’”: nulla vieta infatti che anche il contadino sotto casa possa utilizzare pesticidi, ma siccome lo conosci e ti sorride e l’insalata la vedi nella terra invece che sullo scaffale ti innamori di una leggenda che non e’ detto che sia tale. La grande distribuzione garantisce talvolta controlli piu’ seri e standardizzati. Diverso invece per il biologico che deve sottostare comunque a regole molto stringenti. E’ invece vero che filiera piu’ corta e quindi di prossimita’ significa cibo piu’ ricco, cioe’ non deteriorato nelle sue qualita’ nutrizionali da lunghe conservazioni, e’ inoltre spesso raccolto piu’ maturo in quanto destinato ad essere venduto in tempi rapidi risultando quindi piu’ ricco di “fitoterapici” e polifenoli, e’ di stagione e quindi migliore, proviene da un paese europeo evoluto ove e’ piu’ stringente la normativa e il controllo fitosanitario rispetto a produzioni che provengono da chi sa’ dove. L’adesione ad un GAS consente inoltre di calmierare i prezzi evitando che l’astuto contadino spunti da un cittadino ingenuo innamorato dell’ambiente agreste tipo “mulino bianco” prezzi decisamente esosi: filiera piu’ corta deve anche tradursi in un risparmio per il consumatore.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI