martedì 9 Agosto 2022

Basilicata, 2000 braccianti in condizioni inumane: presentato ricorso alla CEDU

In Basilicata sono all’incirca 2 mila i braccianti che si trovano a lavorare in «condizioni inumane», sopratutto nella zona del metapontino e nel Vulture Melfese. A denunciarlo è Angela Bitonti, avvocato e presidente dell’Associazione diritti umani (ADU), la quale, insieme alla vicepresidente Sonia Sommacal, ha deciso di presentare ricorso alla Corte europea per i diritti umani (CEDU) per denunciare la condizione di abbandono istituzionale nella quale vertono i lavoratori.

I braccianti «Si stanziano in casolari abbandonati, specialmente nel ghetto di Boreano, dove ci sono i casolari della riforma agraria abbandonati: vivono senza luce, senza acqua, senza porte né finestre, senza arredi, con i materassi luridi appoggiati sui pavimenti, con fornelli e bombole del gas molto pericolose, qualche barile d’acqua che trasportano dalle fontane e soprattutto cumuli di spazzatura adiacenti ai casolari. Parliamo di tonnellate di rifiuti, vere e proprie discariche a cielo aperto, che insistono su territori comunali e che nessuno si preoccupa di smaltire, mettendo così a rischio la salute di queste persone, ma anche dei cittadini». Questa la denuncia fatta a Redattore Sociale dall’avvocato Bitonti, dalla quale emerge, oltre che un problema di diritti, anche un’emergenza ambientale.

La responsabilità, dichiara l’avvocato, è in primo luogo politica, perché «la legge regionale 13/2016», inattuata sin dalla sua emanazione, prevede insieme ad altre normative «l’eliminazione dello sfruttamento e dei ghetti e dispone che ogni due anni il Consiglio regionale approvi un piano di programmazione», in assenza del quale ogni intervento, seppur minimo, rimane inefficace. Ad affiancare la responsabilità politica vi è quella giuridica, sancita dall’articolo 3 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo – ratificata dall’Italia – che prevede che nessuno sia sottoposto a condizioni disumane. «Finché esistono i ghetti esiste il caporalato. Perché dove non arriva lo Stato arrivano le mafie» sottolinea Bitonti.

La situazione non è propria solamente della Basilicata, ma dell’Italia intera, dove almeno 10 mila lavoratori agricoli migranti vivono in insediamenti di natura simile, secondo quanto emerso da un rapporto del ministero del Lavoro e delle Politiche sociali. L’ADU ha predisposto un ricorso alla CEDU, affinché possa passare al vaglio la questione e pronunciarsi in merito, dopo che le istituzioni italiane hanno deciso di voltarsi dall’altra parte.

[di Valeria Casolaro]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

1 commento

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI