lunedì 15 Agosto 2022

La forzatura del governo sull’uso del POS è un nuovo regalo alle banche

Da ieri, 30 giugno, è scattato in Italia l’obbligo di POS per i commercianti, prestatori di servizi e professionisti. Il Point of sale, o terminale di pagamento, è un dispositivo elettronico che consente di effettuare pagamenti mediante moneta elettronica, ovvero tramite carte di credito, di debito o prepagate. Le diverse tipologie di POS sono accomunate dalle commissioni bancarie che variano mediamente tra l’1% e il 4% a carico dell’esercente. È su questo punto che vertono le proteste di coloro che vendono un servizio/prodotto finale al cliente: dai tassisti ai liberi professionisti, dalle edicole agli ambulanti, dai parrucchieri ai panettieri e ai fiorai. Non l’utilizzo del POS, che viene considerato dagli stessi esercenti come un motivo di sicurezza dal momento in cui diminuisce la quantità di moneta cartacea in cassa, ma le commissioni a vantaggio delle banche, che accresceranno i loro profitti a meno di improbabili misure governative.

In effetti, ad oggi le strade percorribili sono due: trasferire l’onere della commissione allo stato (e per esteso ai cittadini) o giungere a un accordo con gli istituti bancari per abolirle o al massimo modificarle. Si tratta di due alternative difficili, che sicuramente non entreranno in vigore nel prossimo futuro. Ciò che, invece, produce effetti giuridici all’interno del nostro ordinamento è l’obbligo per i commercianti, prestatori di servizi e professionisti di accettare dai clienti pagamenti elettronici, pena multe da 30 euro a cui si aggiunge il 4% della transazione negata. L’iter sanzionatorio ha inizio con una denuncia da parte del cliente nei confronti dell’esercente che non si è adeguato alla misura. Tuttavia, la legge prevede che “in caso di problemi tecnici o di connessione” riguardanti il POS non possano scattare sanzioni e multe.

Considerando le diverse aziende che mettono a disposizione degli esercenti i dispositivi per i pagamenti elettronici, emerge che la commissione media sia dell’1,5%. A rappresentare un “valore estremo” è Satispay, che non applica alcun costo aggiuntivo sulle transazioni inferiori a dieci euro. Ad ogni modo, si tratta di percentuali sui beni di consumo e sui servizi che andranno ad arricchire le banche, ricevendo passivamente decine di migliaia di euro al giorno. Per capire l’impatto delle commissioni sulla potenza d’acquisto è esemplificativo paragonare lo scambio di moneta cartaceo a quello digitale (nel caso in cui si applichino commissioni): partendo da una banconota da 100 euro – anche dopo scambi fisici infiniti – l’ultima persona che li incasserà si troverà in mano sempre le stesse 100 euro. Nell’ipotesi digitale, invece, all’aumento degli scambi corrisponde una diminuzione della quantità di moneta, più o meno rapida a seconda della commissione applicata. Per esempio, applicando anche solo la commissione minima, le stesse 100 euro scambiate via bancomat caleranno dell’uno percento ogni volta. Diventeranno 99 euro alla prima transazione, poi quelle 99 diventeranno 98,01 euro, poi 97,03, e così via. Alla cinquantesima transazione quelle che in principio erano 100 euro saranno diventate 62 e spicci. E i 38 euro mancanti? Tutti quanti “regalati” alle banche.

[di Salvatore Toscano]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

4 Commenti

  1. Sarà una coincidenza questo nuovo regalo alle banche.
    altra coincidenza tutte le altre misure (anti)economiche che aumentano il nostro debito e guarda caso fanno guadagnare le banche
    pura coincidenza che Draghi sia stato:
    Vice Chairman e Managing Director Goldman Sachs, nel 2005 Governatore della Banca d’Italia (che è delle banche private), poi presidente del Forum per la stabilità finanziaria e del Consiglio Direttivo e del Consiglio Generale della Banca centrale europea, nonché membro del Consiglio di amministrazione della Banca dei regolamenti internazionali. È stato Direttore esecutivo per l’Italia della Banca Mondiale e nella Banca Asiatica di Sviluppo. È membro del Gruppo dei Trenta.
    per vuole informarsi…
    https://www.radioradio.it/2022/06/draghi-goldman-sachs-britannia-svendita-finale-banca-mondiale/

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI