sabato 3 Dicembre 2022

I dati sull’aumento di spesa europeo in difesa e frontiere sono impressionanti

Il 24 febbraio Putin annunciava di aver dato l’autorizzazione alle proprie truppe di invadere il confine ucraino: una guerra per molti versi preannunciata ma che, così come molti altri conflitti, ha aperto scenari diversi, alcuni visibili, altri meno. Proprio come accaduto durante la pandemia, e come vi abbiamo più volte raccontato, non è raro che i Governi tendano ad approfittare di situazioni così caotiche, emergenziali, nuove e impreviste - davanti cui la maggior parte di noi non sa come comportarsi - per abusare oltre ogni limite del proprio potere o fare cose che altrimenti sarebbe più di...

Questo è un articolo di approfondimento riservato ai nostri abbonati.
Scegli l'abbonamento che preferisci e prosegui con la lettura dell'articolo.

Se sei già abbonato effettua l'accesso compilando i campi qui sotto o utilizza il pulsante "accedi" posizionato in alto a destra, nella parte superiore del sito. 

ABBONATI / SOSTIENI

Benefici di ogni abbonato

  • THE SELECTION: newsletter giornaliera con rassegna stampa dal mondo
  • Accesso a rubrica FOCUS: i nostri migliori articoli di approfondimento
  • Possibilità esclusiva di commentare gli articoli
  • Accesso al FORUM: bacheca di discussione per segnalare notizie, interagire con la redazione e gli altri abbonati

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

4 Commenti

  1. La storia probabilmente non è ” magistra vitae ” e non permette in genere di prevedere il futuro. Tuttavia il ripetersi costante di taluni fenomeni suggerisce alcune regole generali; una di queste , fondamentale, è che quando gli stati investono in armamenti si va rapidamente verso una guerra.
    Ciò è evidente fin dalla storia greca e romana ma ancor di più nella storia più recente. Si pensi alle guerre napoleoniche, alla guerra franco-prussiana o alla prima e alla seconda guerra mondiale, per citare le più importanti.
    C’è dunque da preoccuparsi della leggerezza con cui i governanti europei hanno imboccato decisi ed unanimi questa strada, pur riempiendosi la bocca con la parola ” pace”

  2. La parte dell’aumento delle spese militari lascia basiti, è pazzesca e degna di assassini quali questi personaggi evidentemente sono, il tutto coi soldi dei cittadini europei. Per quanto riguarda la lotta all’immigrazione incontrollata, certo non viene gestita nel migliore dei modi, ma è indubbio che occorrano invterventi per controllare i flussi migratori, spesso fra l’altro usati per fini politici e finanziari dagli stessi assassini e speculatori di cui sopra.

  3. Tutto questo è a dir poco desolante! Non c’è posto o paese dove fuggire per trovare idee di vita più progressite o innovative. Tutti sono stati fagocitati dalle lobby finanziarie e non, a discapito della popolazione che ormai è totalmente o quasi lobotomizzata dalla propaganda dei media e incapace di organizzarsi o reagire in modo importante. Compatisco le nuove generazioni e disprezzo la nostra che ha reso possibile tutto questo!

  4. Brava Gloria Ferrari, veramente un bell’articolo. Purtroppo la direzione è quella di una maggiore militarizzazione del mondo e questa va sempre a discapito della democrazia e dei diritti anche fondamentali. Questa cosa determinerà un grave cambiamento della nostra società, da società del diritto si passerà gradualmente ad una società del controllo e dell’ubbidienza assoluta.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI