sabato 25 Giugno 2022

Recensioni indipendenti: IMPA, quando gli operai fanno la storia (documentario)

Un documentario di 85 minuti scritto e diretto dal ricercatore di Scienze della Comunicazione presso l’Università di Genova Diego Scarponi. Il film ha ricevuto il sostegno dell’INCAA (Istituto Nazionale Argentino del Cinema e delle Arti Audiovisivi e della Film Commission Torino Piemonte. Disponibile sulla piattaforma streaming indipendente Openddb. IMPA, chiamato “La Fábrica, Ciudad Cultural“, o come lo definiscono gli Argentini “IMPA enamora”(IMPA ti fa innamorare) evidenziando quanto questo sia un luogo che crea fascinazione e ammirazione in tutti coloro che lo vivono e lo visitano. Un laboratorio multiculturale situato al 4290 di Querandíes Street, nel popoloso quartiere di Almagro a Buenos Aires. L’IMPA (Industrias Metalúrgicas y Plásticas Argentina) fu fonata negli anni 20 come fabbrica per realizzare biciclette, complementi di aeroplani, e altri oggetti in alluminio, dando lavoro, negli anni 50, a circa 3.000 operai. Con il passare degli anni e a seguito dei tanti drammatici eventi verificatisi in Argentina, guerre civili, colpi di stato, dittature e una gravissima crisi economica, la fabbrica è stata smantellata e in parte abbandonata, solo un piccolo settore dell’enorme edificio è ancora in attività e continua a produrre contenitori, tubetti, vassoi usa e getta e altri prodotti sempre in alluminio, dando lavoro a meno di 50 operai.

Nel 1998, quando la fabbrica stava per chiudere a causa dei debiti, fu deciso fin da subito di occuparla e di condividere gli spazi lasciati ormai inutilizzati, con il quartiere che ospita lo stabilimento e trasformarli, per tutta Buenos Aires, in un centro di socialità, cultura ed educazione. Nasceva così la più antica fabrica «recuperada» e autogestita da lavoratori autonomi dell’Argentina. Oggi la cooperativa conta circa 50 soci che, costretti a combattere continuamente con la mancanza di elettricità, a causa della difficoltà economica nel pagare la fornitura elettrica, riescono comunque a portare avanti tutte le attività: una scuola (riconosciuta dallo Stato Argentino dopo 8 anni di dure lotte), un’università popolare, un teatro, quattro compagnie teatrali, emittenti  radio e TV, laboratori d’arte di  musica e danza a cui si affiancano palestre e decine di altri laboratori,  nonché un museo della fabbrica gestito dagli stessi operai e aperto una volta al mese. Scarponi riprende le varie attività che si svolgono all’interno dell’edificio nella loro quotidianità, limitando le interviste e privilegiando il racconto tramite la semplice osservazione, rendendoci così ancora più partecipi e coinvolti.

Il documentario IMPA, ci mostra tutto questo con suggestive immagini e un fervido muoversi di persone impegnate a far funzionare questo piccolo miracolo, nel continuo scenario di grandi spazi cui un progetto di recupero archeo-industriale ha dimostrato tutto il suo valore trasformandosi in polo sociale e culturale usufruibile da tutti. L’Argentina è per sua natura multietnica e nonostante la sua tormentata storia, è sempre stata una terra meta di immigrazioni. Ciò la rende particolarmente ricca di contaminazioni culturali e una iniziativa come il centro IMPA non può che fiorire e svilupparsi. Un mosaico in costante evoluzione di persone, suoni, musica, interazione e collaborazione comune, formando una realtà culturale tangibile che deve continuare a tutti i costi, perché una cosa come IMPA deve esistere e resistere anche se può sembrare un’utopia.

[di Federico Mels Colloredo]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Articolo precedenteCamminare
Articolo successivoUn’idea di città

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI