sabato 25 Giugno 2022

Il Consiglio d’Europa si muove contro l’estradizione di Assange

L’estradizione negli Stati Uniti di Julian Assange non dovrebbe essere autorizzata a causa dell’impatto che tale decisione avrebbe sui diritti umani e in particolare sulla libertà dei media di svolgere il loro compito, ovverosia quello di fornire informazioni liberamente. È questo, sostanzialmente, quanto sottolineato dalla Commissaria per i diritti umani del Consiglio d’Europa, Dunja Mijatović, all’interno di una lettera inviata al Ministro degli Interni del Regno Unito, Priti Patel, in vista della sua imminente decisione sull’estradizione del fondatore di WikiLeaks. “La natura ampia e vaga delle accuse contro il signor Assange, e dei reati elencati nell’atto di accusa, sono preoccupanti poiché molti di essi riguardano attività al centro del giornalismo investigativo in Europa e oltre”, si legge infatti nella lettera, in cui viene affermato che “consentire l’estradizione di Assange su questa base avrebbe un effetto raggelante sulla libertà dei media e, in ultima analisi, potrebbe ostacolare la stampa nello svolgimento del suo compito di fornitore di informazioni e di guardia pubblica nelle società democratiche”.

In pratica, secondo la Commissaria del Consiglio d’Europa (organizzazione internazionale da non confondere con il Consiglio europeo essendo estranea all’Ue) l’estradizione di Assange non dovrebbe essere consentita non solo a causa delle ovvie “preoccupazioni sollevate da esperti indipendenti sul trattamento che gli verrebbe riservato al momento dell’estradizione” ma anche in virtù delle “implicazioni più ampie” che tale scelta determinerebbe. Si tratta, tra l’altro, di concetti che erano già stati espressi pubblicamente nel 2020, quando tramite una dichiarazione la Commissaria si era già schierata contro l’estradizione del giornalista d’inchiesta sottolineando che la stessa avrebbe avuto ripercussioni sui diritti umani che sarebbero andate “ben oltre il suo caso individuale”.

Evidentemente però tali preoccupazioni non hanno finora influito minimamente sulla possibile estradizione di Julian Assange, che potrebbe presto divenire realtà. Nelle scorse settimane la Corte dei Magistrati di Westminster ha infatti emesso un ordine formale di estradizione nei confronti del fondatore di WikiLeaks, autorizzandone il trasferimento negli Stati Uniti. Adesso la parola spetta appunto al ministro dell’Interno Priti Patel, che a breve dovrà autorizzare o meno la decisione. Se il trasferimento venisse definitivamente confermato, Assange rischierebbe una condanna a 175 anni di carcere in una prigione di massima sicurezza per aver contribuito a diffondere documenti riservati contenenti informazioni sui crimini di guerra commessi dalla forze armate americane in Iraq e in Afghanistan.

Non è un caso dunque che diversi cittadini, soprattutto in Inghilterra, stiano cercando di fare pressione sulle istituzioni esprimendo il loro dissenso a riguardo. Ad esempio, negli scorsi giorni centinaia di persone si sono riunite davanti al ministero dell’Interno britannico, a Londra, ed hanno protestato contro l’estradizione di Assange. Non solo, perché anche in Italia si è recentemente svolta una manifestazione convocata da Amnesty International di fronte all’ambasciata del Regno Unito, a Roma, con cui i partecipanti hanno ribadito che “il giornalismo non è un reato”.

[di Raffaele De Luca]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

3 Commenti

  1. Che le “democrazie” occidentali diano prova della loro democrazia. Che la stampa “democratica” protesti a favore della libertà di informazione magari dedicando una pagina per informare i cittadini sui “reati” ascritti ad Assange dai guerrafondai USA, ne va della loro libertà di informazione.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI